(ANSA/ MAURIZIO DEGL'INNOCENTI)

Enrico Rossi e il Frecciarossa “come metafora di una società ingiusta”

Il presidente della Toscana ha scritto su Facebook un'elaborata critica socialista per l'assegnazione dei posti sui treni ad alta velocità

(ANSA/ MAURIZIO DEGL'INNOCENTI)

Enrico Rossi, 57enne presidente della Toscana, importante esponente della corrente più di sinistra del Partito Democratico, ha scritto un lungo post su Facebook in cui sostiene che i treni Frecciarossa di Trenitalia, quelli ad alta velocità, siano la “metafora di una società ingiusta”. Rossi critica in particolare il fatto che durante un suo recente viaggio su un Frecciarossa, «a fronte dell’affollamento in classe standard, più della metà del treno sia quasi vuoto, riservato ad altre tre classi, premium, business e executive, e che si vada dai 68 posti in un vagone standard ai soli 8 nel vagone executive, per lo più vuoti». Spiega Rossi: «sono certo che se facessimo un conto si scoprirebbe che il biglietto alle classi più alte lo paghiamo in buona parte noi che viaggiano in standard con i nostri biglietti. Questo avviene anche nella società in generale, dove ha trionfato il capitalismo liberista e finanziario».

Per una freccia davvero rossa.
Il problema della ridistribuzione dei posti sui treni come metafora di una società ingiusta

Sono in treno in classe standard, quella di base, piena di persone e bagagli. Tutto bene: sono su un frecciarossa ad alta velocità per niente paragonabile alle ristrettezze e ai disagi di molti treni regionali.
Quello che indigna è il fatto che, a fronte dell’affollamento in classe standard, più della metà del treno sia quasi vuoto, riservato ad altre tre classi, premium, business e executive, e che si vada dai 68 posti in un vagone standard ai soli 8 nel vagone executive, per lo più vuoti.
Non vi sembra uno spreco, un’ esagerazione e allo stesso tempo un’ingiustizia?
A me sì.
Sono certo che se facessimo un conto si scoprirebbe che il biglietto alle classi più alte lo paghiamo in buona parte noi che viaggiano in standard con i nostri biglietti.
Questo avviene anche nella società in generale, dove ha trionfato il capitalismo liberista e finanziario.
Per questo sono convinto che la cura giusta vada trovata negli ideali socialisti che hanno a cuore l’eguaglianza e la solidarietà.
Il mio treno socialista ridistribuirebbe i posti sui vagoni per fare stare tutti meglio e ottimizzerebbe gli spazi per consentire qualche modesta differenziazione che è giusto che sia mantenuta per esigenze particolari, per attitudini e scelte individuali. Questo consentirebbe a più persone di montare sul treno dando un contributo alla crescita economica; essendo noto che i poveri sono tanti e che hanno una propensione alta al consumo, come dicono gli economisti.
Invece manterrei inalterato il nome frecciarossa, poiché il rosso esercita su di me un fascino irresistibile.