Prince durante un concerto a Sydney, in Australia (Patrick Riviere/Getty Images)
  • Video
  • giovedì 21 aprile 2016

Prince era un grande chitarrista

Il video dell'assolo su "While my guitar gently weeps" di George Harrison

Dopo la morte di Prince è circolato online un tweet in cui si fa riferimento a una presunta citazione di Eric Clapton. Quando gli venne chiesto come si sentisse ad essere il miglior chitarrista vivente, Eric Clapton avrebbe risposto: «Non so. Chiedi a Prince». Vox scrive che molto probabilmente la citazione è falsa e che è stata usata su Internet anche per altri artisti. Ma Prince oltre che una delle più popolari rockstar degli ultimi decenni è stato davvero anche un grande chitarrista, nonostante questo suo talento sia meno noto al grande pubblico rispetto ad altri tratti del suo successo.

Lo dimostra tra l’altro questo video girato nel 2004 durante un affollato tributo a George Harrison durante lo show annuale della Rock and Roll Hall of Fame: “While My Guitar Gently Weeps” fu scritta da Harrison per i Beatles nel 1968. Un articolo del New York Times ha ricostruito come Prince finì su quel palco a suonare quella canzone: fu il direttore dell’evento a chiederlo a Prince, che quella stessa sera fu introdotto a sua volta nella Rock and Roll Hall of Fame. Le prove della serata non andarono molto bene, e fra le altre cose un chitarrista che doveva essere di accompagnamento impedì a Prince di provare correttamente l’assolo. Durante lo spettacolo vero e proprio, però, l’assolo di Prince venne benissimo: Craig Inciardi, che gestisce il museo della Rock and Roll Hall of Fame, ha ricordato che fra tutte le performance a cui ha assistito durante gli show della Hall of Fame, «sul piano puramente musicale, sia tecnico che di scena, credo che quella sia stata la più impressionante».

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.