Qual è stato il peggior errore di Obama, secondo lui

È stato non pensare a cosa fare in Libia dopo la deposizione di Gheddafi, ma l'intervento «era la cosa giusta da fare», dice

Barack Obama è stato intervistato dal programma News Sundays della rete televisiva FOX, un network molto conservatore e critico nei confronti di Obama. Una delle domande che gli ha rivolto l’intervistatore, Chris Wallace, è stata quale fosse secondo lui il peggiore errore della sua presidenza. Obama ha risposto:

«Probabilmente l’aver fallito nel progettare cosa fare il giorno dopo la fine dell’intervento in Libia, anche se intervenire era la cosa giusta da fare»

Il dittatore libico Muammar Gheddafi fu deposto nel 2011 in seguito a una rivolta appoggiata da un intervento internazionale guidato dagli Stati Uniti a cui parteciparono anche diversi paesi europei e mediorientali, come Qatar, Giordania ed Emirati Arabi Uniti. Dopo la caduta di Gheddafi, il nuovo governo di transizione non è mai riuscito a imporre ordine nel paese e nel corso del 2014 è scoppiata una nuova guerra civile. Oggi la Libia è divisa tra decine di milizie rivali, la più forte delle quali ha dichiarato la sua affiliazione all’ISIS, mentre il nuovo governo di unità nazionale appoggiato dall’occidente sta cercando di rimettere ordine nel paese.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.