La morte di Gianmaria Testa

Era un cantautore molto amato in Italia e in Francia: aveva 57 anni e un cancro di cui lui stesso aveva parlato l'anno scorso

Il cantautore Gianmaria Testa è morto oggi per le conseguenze di un tumore di cui lui stesso aveva parlato pubblicamente l’anno scorso. Testa aveva 57 anni ed era nato a Cavallermaggiore in provincia di Cuneo, nel 1958. Oltre che in Italia è molto popolare anche in Francia, dove era anzi diventato famoso ancor prima che in Italia. Il Corriere della Sera l’ha definito un “cantautore letterario” e, tra le altre cose, Testa era apprezzato per l’essenzialità dei suoi testi: «Amo scarnificare il mio linguaggio, in quest’epoca di ridondanze», disse.

Testa era nato in una famiglia di agricoltori e studiò musica da autodidatta, iniziando a suonare la chitarra. Il suo primo lavoro non ebbe però a che fare con la musica: diventò infatti ferroviere e poi capostazione a Cuneo (una professione che per alcuni anni mantenne insieme a quella di musicista). Nel frattempo continuò a suonare, prima in un gruppo e poi da solista. Negli anni Novanta vinse per due volte il Festival musicale di Recanati, dedicato ai cantautori emergenti, e nel 1995 uscì in Francia Montgolfières, il suo primo disco. Un anno dopo pubblicò, sempre in Francia, il suo secondo disco: Extra-Muros. Sempre in quegli anni si esibì per la prima volta all’Olympia, il famoso teatro di Parigi.

Nell’ottobre del 2000 uscì Il valzer di un giorno, il primo disco di Testa interamente realizzato e prodotto in Italia. Come spiega Repubblica “nel 2006 Testa aveva dedicato un intero album – Da questa parte del mare – ai migranti di ieri e di oggi”. Negli ultimi anni Testa aveva fatto anche teatro (18 mila giorni — il pitone) e nel 2012 aveva pubblicato Ninna Nanna dei sogni, il suo primo libro edito da Gallucci editore. L’ultimo disco di Testa è Men at work, registrato dal vivo durante alcuni suoi concerti. Nella sua carriera Testa ha cantato in più di tremila concerti: in Europa ma anche nel resto del mondo, per esempio in Canada e negli Stati Uniti.

Testa aveva parlato del suo tumore con Michele Serra in un’intervista pubblicata da Repubblica nel maggio 2015:

Per mesi non ho detto niente perché avevo paura di rompere le scatole alla gente. Ho pudore a parlare di me. Non avevo mai messo in preventivo di diventare famoso. A parte suonare e cantare, non ho mai fatto niente per diventarlo. Ma devo prenderne atto: sono un personaggio pubblico. In molti si chiedono dove sono finito, perché non faccio più concerti. Su internet corrono le voci, si sa come è internet, dicono che sono morto, che ho avuto un ictus, che sono nascosto in una casa di cura. Sono anche affettuosi, capisco che mi cercano, che vogliono sapere di me. E alla fine mi sono reso conto che è meglio raccontare, è meglio spiegare. Ho un tumore, l’ho scoperto ai primi di gennaio. Non è operabile. Ho fatto cinque cicli di chemioterapia, il tumore si è molto ridotto. Ma i medici mi hanno detto che nei prossimi mesi devo annullare ogni altro impegno che non sia curarmi. Avere cura di me. Ed è quello che sto facendo.

Dopo alcuni anni di assenza Testa era tornato a cantare nel 2015, già negli ultimi mesi aveva però dovuto annullare i suoi concerti a causa della malattia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.