"Strange and Familiar: Britain as Revealed by International Photographers" (Tristan Fewings/Getty Images for the Barbican Art Gallery)

Il Regno Unito visto dagli stranieri

O meglio: da 23 fotografi stranieri tra il 1930 e il 2014, in una mostra organizzata da Martin Parr al Barbican Centre di Londra

"Strange and Familiar: Britain as Revealed by International Photographers" (Tristan Fewings/Getty Images for the Barbican Art Gallery)

“Strange and Familiar” è una mostra organizzata dal famoso fotografo britannico Martin Parr che racconta il Regno Unito dagli anni Trenta del Novecento fino al 2014, visto da 23 fotografi stranieri. Ce ne sono di europei, nordamericani e giapponesi: il più famoso è il francese Henri Cartier-Bresson e tra loro c’è anche l’italiano Gian Butturini, nato nel 1935 e morto 10 anni fa. “Strange and familiar” si può visitare fino al 19 giugno al Barbican Centre di Londra, un centro che ospita concerti, spettacoli teatrali, proiezioni cinematografiche e mostre d’arte. Parr ha spiegato essere sempre stato affascinato dal modo in cui i fotografi stranieri vedevano il suo paese: «Il concetto di curiosità è al centro della mostra», ha detto. Parr ha anche spiegato: «La mostra rivelerà un diverso approccio allo stile di vita britannico, un approccio diverso di quello offerto dai fotografi britannici. È allo stesso tempo qualcosa di strano e familiare».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.