• Cultura
  • venerdì 19 Febbraio 2016

La Corea del Nord di David Guttenfelder

Le immagini scattate da uno dei vincitori del World Press Photo in uno dei posti più chiusi del mondo

David Guttenfelder è uno dei fotografi premiati dal prestigioso World Press Photo, classificandosi al terzo posto nella categoria dei progetti a lungo termine per la sua serie Corea del Nord: vita nel culto di Kim, che documenta la Corea del Nord urbana e rurale a partire dal 2011, mostrando la vita quotidiana dei suoi cittadini, gli eventi militari e le cerimonie. Guttenfelder è anche uno dei fotografi preferiti dal Post: negli anni abbiamo pubblicato molte sue fotografie.

Alcune delle foto scelte dal World Press Photo 2016:

La Corea del Nord è un paese in cui è particolarmente difficile riuscire a scattare delle fotografie “indipendenti”, a causa della chiusura imposta dalla dittatura e dei numerosi divieti e restrizioni per chi ci abita o per chi la vuole visitare. Associated Press è stata la prima agenzia internazionale ad aprirci una redazione, nel 2012, e in quel periodo Guttenfelder lavorava per AP (ora lavora per National Geographic).

David Guttenfelder aveva raccontato che quando era andato per la prima volta in Corea del Nord, nel 2000, aveva dovuto lasciare il suo telefono alla dogana e le finestre della stanza d’albergo in cui dormiva erano state coperte con teli di plastica nera. Da allora le condizioni sono molto migliorate e Guttenfelder ha continuato a visitarla e a scattare sempre più fotografie con libertà maggiori.

Molte delle fotografie che seguono risalgono al 2011, quando Guttenfelder ha fatto cinque viaggi in Corea del Nord, e al 2014, quando insieme al collega Eric Talmadge ha visitato il monte Paektu, una delle zone sulle quali il governo nordcoreano vorrebbe attirare turismo e investimenti stranieri: solitamente la zona si raggiunge con l’aereo, ma ai due reporter era stato concesso di andarci in automobile e attraversare così regioni che fino ad allora nessun giornalista straniero aveva mai visitato.