(ANSA/CLAUDIO ONORATI)
  • Cultura
  • domenica 14 febbraio 2016

“Un giorno mi dirai”, la canzone con cui gli Stadio hanno vinto a Sanremo

Sono arrivati primi un po' a sorpresa: seconda è arrivata Francesca Michielin, terzo il duo Caccamo-Iurato

(ANSA/CLAUDIO ONORATI)

Il Festival di Sanremo di quest’anno è stato vinto dagli Stadio, una band in giro già dalla fine degli anni Settanta, che ha presentato la canzone “Un giorno mi dirai”. Al secondo posto è arrivata la giovanissima Francesca Michielin con “Nessun grado di separazione”, mentre la canzone “Via da qui” di Giovanni Caccamo – che l’anno scorso aveva vinto il concorso “nuove proposte” – e Deborah Iurato si è classificata terza.

Gli Stadio sono un gruppo italiano nato negli anni Settanta e diventato famoso soprattutto negli anni Ottanta. Sono composti da Gaetano Currieri, Andrea Fornili, Roberto Drovandi e Giovanni Pezzoli. Tra le loro canzoni più famose c’è Chiedi chi erano i Beatles, uscita nel 1984, insieme a Acqua e sapone del 1983 e a Sorprendimi del 2002. Gli Stadio avevano già partecipato diverse volte a Sanremo, nel 1984, nel 1986, nel 1999 e nel 2007.

“Un giorno mi dirai” degli Stadio è stata scritta da Saverio Grandi, Luca Chiaravalli e Gaetano Currieri, ed è inclusa nel disco Miss Nostalgia, il quindicesimo in studio del gruppo. Nella serata di giovedì, dedicata alle cover, gli Stadio avevano eseguito “La sera dei Miracoli” di Lucio Dalla, artista con il quale gli Stadio collaborarono per tutta la prima parte della loro carriera.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.