• Cultura
  • giovedì 11 febbraio 2016

Bruce Springsteen pubblicherà un’autobiografia

Si intitolerà "Born to Run", uscirà in contemporanea mondiale il 27 settembre, in Italia sarà pubblicata da Mondadori

Il 27 settembre uscirà in Italia, in contemporanea mondiale, l’autobiografia di Bruce Springsteen: sarà intitolata Born to Run, come una delle sue canzoni più famose, e sarà pubblicata da Mondandori. Negli Stati Uniti, nel Regno Unito, Canada, Australia e India sarà invece pubblicata dalla casa editrice Simon & Schuster in edizione cartacea, ebook e audiobook.

La copertina del libro
springsteen

Secondo Simon & Schuster, Springsteen ha lavorato alla biografia negli ultimi sette anni: l’idea gli venne nel 2009 dopo essersi esibito nell’intervallo dello spettacolo del Super Bowl. Springsteen spiega che «scrivere di te stesso è un affare divertente. In un progetto così, lo scrittore ha fatto una promessa: mostrare al lettore cosa gli passa per la testa. In queste pagine ho cercato di farlo». Il libro racconta la storia della sua vita: com’è stato crescere a Freehold, in New Jersey, e i suoi primi tempi da musicista fino al raggiungimento del successo.

Ian Chapman, amministratore delegato ed editore di Simon & Schuster in Regno Unito, ha detto che «se chiedete a qualsiasi editore di fare il nome di qualcuno la cui autobiografia provocherebbe il più grande entusiasmo, quello di Bruce Springsteen sarebbe in cima a ogni lista. Oltre a essere una delle persone più ammirate al mondo, è un affascinante cantastorie con un modo unico di esprimersi. Born to Run cattura in modo perfetto la sua straordinaria vita artistica».

Simon & Schuster ha comprato i diritti legali della biografia dai rappresentanti legali di Springsteen. La rivista Page Six ha scritto che Springsteen ha ricevuto un anticipo di dieci milioni di dollari (circa 8,8 milioni di euro), cifra che non è stata confermata dalla casa editrice. I diritti del libro sono stati acquistati da altri nove paesi: oltre all’Italia verrà infatti pubblicato in Francia, Germania, Svezia, Paesi Bassi, Danimarca, Norvegia, Finlandia e Spagna.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.