• Cultura
  • mercoledì 27 gennaio 2016

La nuova grafica dei tascabili Guanda

È stata disegnata dallo studio milanese DOT: i primi sei titoli usciranno il 28 gennaio, ci sono tra gli altri Luis Sepúlveda e Nick Hornby

Guanda, la casa editrice fondata a Modena nel 1932, ha realizzato un notevole restyling grafico dei suoi libri tascabili: i primi titoli usciranno il 28 gennaio. La nuova collana si chiama “Tascabili Guanda” e sostituirà la precedente “Le Fenici tascabili”. La nuova grafica è stata realizzata dallo studio milanese DOT, fondato da Francesca Leoneschi e Iacopo Bruno, e specializzato in grafica editoriale, illustrazione e tipografia. Rispetto alle vecchie copertine delle Fenici – a tinta unita e con una piccola illustrazione – quelle nuove presentano una grafica più moderna e personalizzata: le copertine hanno immagini “al vivo”, cioè senza bordi o cornici ma con l’immagine che copre tutta l’area della copertina; l’elemento di continuità tra le due collane è il logo di Guanda, ben in vista sulla copertina.

I titoli proposti in questo nuovo formato sono sei – quasi tutti già usciti per Guanda in edizione tascabile – e rappresentano gli autori internazionali più rilevanti della casa editrice: Soldati di Salamina di Javier Cercas, Il vecchio che leggeva i romanzi d’amore di Luis Sepúlveda, Molto forte incredibilmente vicino di Jonathan Safran Foer, Come diventare buoni di Nick Hornby, Una spola di filo blu di Anne Tyler e Una donna sulla stradal’unico libro inedito in Italia di Charles Bukowski. Costeranno dagli 8 ai 12 euro.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.