(Dan Kitwood/Getty Images)

Le foto dei capodogli spiaggiati in Inghilterra

Tre enormi carcasse sono state trovate nel Lincolnshire, ed è un evento piuttosto raro

(Dan Kitwood/Getty Images)

Tra sabato e domenica sono stati ritrovati tre capodogli morti sulle spiagge di Skegness, nella contea inglese orientale del Lincolnshire. Venerdì era stato avvistato un branco di capodogli al largo della contea di Norfolk, che confina con il Lincolnshire, e si crede che i tre esemplari ne facessero parte, insieme a un altro capodoglio che si è spiaggiato venerdì su una spiaggia di Hunstanton a pochi chilometri di distanza. Il Cetacean Strandings Investigation Programme, un organismo che si occupa di indagare le cause di morte dei cetacei spiaggiati, ha analizzato le carcasse e raccolto campioni per raccogliere informazioni sul perché sono morte. Gli scienziati marini hanno detto di essere preoccupati per gli altri capodogli del branco, dei quali non si conosce la posizione.

Le carcasse – due delle quali si trovano vicine, mentre un’altra in un altro punto della spiaggia – sono state anche delimitate per impedire alle persone di avvicinarsi: un portavoce locale del Royal National Lifeboat Institution, un’associazione britannica di salvataggio costiero, ha spiegato che Skegness è diventata affollata come nel giorno di una “bank holiday”, tra le principali festività britanniche, perché le persone si sono radunate per osservare da vicino i capodogli. Rob Deauville, del Cetacean Strandings Investigation Programme, ha spiegato che ogni anno nel Regno Unito si verificano circa 600 spiaggiamenti di cetacei, ma solo cinque o sei in media sono capodogli. I capodogli sono enormi cetacei che possono raggiungere una lunghezza fino a 18 metri, e vivono praticamente in tutti gli oceani: può capitare che si spingano vicini alla costa in cerca di cibo, e che perdano l’orientamento a causa della bassa profondità dell’acqua.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.