(Justin Sullivan/Getty Images)
  • Scienza
  • mercoledì 20 gennaio 2016

Il 2015 è stato davvero l’anno più caldo mai registrato

Le temperature sono state più alte di 0,13 °C rispetto a quelle del 2014: lo hanno confermato tre diversi rapporti, tra cui quello della NASA

(Justin Sullivan/Getty Images)

Il 2015 è stato l’anno più caldo mai misurato, sulla base delle serie storiche registrate a partire dal 1880, hanno detto mercoledì 20 gennaio gli scienziati della NASA, dalla National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), l’agenzia federale statunitense che si occupa soprattutto di meteorologia, e del Met Office, il servizio meteo governativo del Regno Unito. I dati diffusi mercoledì – che arrivano da tre analisi indipendenti – confermano un’ipotesi che era già stata avanzata negli ultimi mesi del 2015. Il record precedente apparteneva al 2014, che aveva superato tutti i picchi registrati in precedenza, compresi quelli del 1998, del 2005 e del 2010. Le temperature medie registrate sulla superficie terrestre in tutto il mondo nel 2015 sono state più alte di 0,13 °C rispetto a quelle del 2014: secondo quanto ha detto la NASA, solo nel 1998 un nuovo record era stato così alto rispetto a quello precedente.

La temperatura media sulla Terra si è alzata di 1 °C rispetto alla fine dell’Ottocento, e secondo il rapporto della NASA questo dipende soprattutto dall’aumento di anidride carbonica nell’atmosfera e dalle altre emissioni provocate dall’uomo. Per quanto riguarda il 2015, gli scienziati dicono che la responsabilità dell’innalzamento delle temperature è dipesa anche dal cosiddetto “El Niño”, un insieme di fenomeni atmosferici che si verificano nell’oceano Pacifico di solito con un picco nei mesi di dicembre e di gennaio, in media ogni cinque anni e che nel 2015 è stato tra i più intensi del secolo. Anche se sarà possibile determinarlo con certezza solo tra qualche anno, è possibile che il 2014 e il 2015 siano l’inizio di un periodo in cui il riscaldamento globale aumenterà rapidamente: dopo il picco del 1998 il fenomeno era sì aumentato di intensità, ma a un ritmo inferiore. Il Met Office si aspetta che il 2016 sia ancora più caldo del 2015. Gavin A. Schmidt, capo della sezione della NASA che si occupa di clima, ha negato che sia in corso un rallentamento del riscaldamento globale o che addirittura questo si sia fermato, come sostengono negli Stati Uniti alcuni esponenti del Partito Repubblicano.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.