• Video
  • lunedì 28 dicembre 2015

Le 6 scene peggiori dello “Star Wars Holiday Special”

Una delle produzioni peggiori legate al marchio di Star Wars è il cosiddetto “Star Wars Holiday Special”, uno speciale televisivo di circa un’ora e mezza andato in onda per la prima volta nel 1978 e da allora pochissime altre volte. Lo “Holiday Special” uscì un anno dopo l’enorme successo di Una nuova speranza, il primissimo film della saga di Star Wars, e prevedeva gli stessi attori del film principale: la produzione fu però affidata dalla CBS, una importante televisione americana, a un gruppo di sceneggiatori e registi esterno alla Lucasfilm, la società che gestiva i diritti di Star Wars.

Ne venne fuori una via di mezzo fra un musical e un programma televisivo di varietà, con costumi e musichette scadenti e incentrato interamente sulla famiglia di Chewbacca, il mostro gigante amico di Han Solo: un disastro, insomma. Lo “Holiday Special” negli Stati Uniti è andato in onda solamente una volta, il 17 novembre 1978, e non è stato mai reso disponibile al pubblico in alcun formato: da allora è diventato una specie di oggetto di culto fra gli appassionati. Mashable ha messo insieme un video che raccoglie i sei momenti peggiori dello speciale: il video comprende una specie di macchina sperimentata dal padre di Chewbacca che produce video porno soft, una canzone cantata dalla Principessa Leila e delle goffissime scene in un bar simile a quello di Mos Eisley, presente nel primissimo film.

Una leggenda metropolitana dice che a un certo punto George Lucas, il creatore della saga di Star Wars, abbia detto: «se avessi tempo e un martello, recupererei tutte le copie di quello spettacolo e le distruggerei». L’intero “Holiday Special” è però disponibile da tempo su YouTube.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.