(LaPresse - Davide Anastasi)

Carlo Tavecchio su gay ed ebrei

Il Corriere della Sera ha diffuso una registrazione in cui Tavecchio dice degli ebrei che «è meglio tenerli a bada» e dei gay dice: «Io non ho nulla contro, però teneteli lontani da me»

(LaPresse - Davide Anastasi)

Il Corriere della Sera ha diffuso la registrazione di un’intervista che il presidente della FIGC Carlo Tavecchio ha fatto lo scorso giugno con il giornalista Massimiliano Giacomini, direttore del giornale online Soccerlife. Carlo Tavecchio ha 72 anni ed è presidente della FICG – la Federazione Italiana Giuoco Calcio – dall’agosto 2014: nella registrazione pubblicata dal Corriere gli si sentono pronunciare parole che il Corriere definisce «antisemite e antigay». Tavecchio parla degli ebrei dicendo che «è meglio tenerli a bada», si riferisce a una persona di religione ebraica definendolo «ebreaccio» e parlando di un ex dirigente della commissione antidoping della FIGC dice:

Ma è vero che è omosessuale? Io non ho nulla contro, però teneteli lontani da me. Io sono normalissimo.

La conversazione tra Giacomini e Tavecchio, così come è riportata dal Corriere:

– Tutto il patrimonio di Cecchi Gori lo rileva un certo Anticoli…
– Sì
– Un ebreaccio. io non ho niente contro gli ebrei eh. Io sono il primo a sostenerli. In tutta la mia vita, ho lavorato, ero direttore di 28 filiali in Lombardia, c’erano tre filiali, quelle che andavano meglio, c’era dentro un ebreo.
– Però come dice Umberto Eco, è meglio tenerli…
– È meglio tenerli a bada. Ma mi dica una cosa è vero che lui…
– È omosessuale? Sì.
– Io non ho niente contro gli omosessuali. Però meglio lontani da me, io sono normalissimo.

Il Corriere ha contattato Tavecchio chiedendogli di spiegare le sue parole, lui ha risposto dicendo di «essere vittima di un ricatto» e ha aggiunto: «Ho ottimi rapporti con la Comunità ebraica, non solo di natura sportiva, e ho sostenuto la posizione di Israele nell’ultimo Congresso della FIFA. Ogni tentativo di screditarmi e calunniarmi attraverso metodi illeciti, che rispondono a metodologie oggi purtroppo assai diffuse, sarà perseguito nelle sedi opportune». In passato Tavecchio è anche stato molto contestato per le sue frasi sui calciatori stranieri nel campionato italiano e per alcune sue dichiarazioni sul calcio femminile e le donne in generale.