Un tirapugni usato durante un'aggressione, fine diciannovesimo secolo ©Museum of London

Gli oggetti del Museo del Crimine della polizia di Londra

Per la prima volta il Museum of London mostra gli oggetti (spesso macabri) raccolti dalla Metropolitan Police dal 1870 e conservati nel suo museo "segreto"

Un tirapugni usato durante un'aggressione, fine diciannovesimo secolo ©Museum of London

Dal 9 ottobre 2015 al 10 aprile 2016 il Museum of London, a Londra, ospita la mostra The Crime Museum Uncovered, che raccoglie oltre 500 tra oggetti, prove, testimonianze e cimeli raccolti dalla Metropolitan Police – la polizia di Londra – a partire dal 1870 e conservati nel suo quartier generale a New Scotland Yard: precisamente nel suo Black Museum, un archivio nato non ufficialmente nel 1874 e praticamente inaccessibile. Ancora oggi il museo può essere visitato da agenti di una delle forze di polizia del paese e solo su appuntamento. Gli oggetti, esposti per la prima volta, ripercorrono delitti e casi di cronaca nera più o meno famosi: ci sono la pistola usata da Edward Oxford nel tentato omicidio della regina Vittoria nel 1840; una valigetta con una siringa automatica piena di veleno costruita dai gemelli Kray, capi di un’organizzazione criminale di Londra negli anni Sessanta; gli attrezzi medici e i farmaci usati durante gli aborti illegali durante il ventesimo secolo; un diamante finto usato per sventare la rapina del Millennium Star a Londra nel 2000; e ancora un cuscino riempito di capelli umani o il manifesto emesso dalla Metropolitan Police per ottenere informazioni e riconoscere la grafia del famoso criminale Jack lo Squartatore nel 1888.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.