Il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, al Festival dell'Unità di Torino (ANSA/ALESSANDRO DI MARCO)

La risposta del ministro Giannini a un contestatore

Il ministro dell'Istruzione lo ha invitato ad avere "il coraggio di esprimersi liberamente, di non leggere quello che qualcun altro ha scritto per lei"

Il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, al Festival dell'Unità di Torino (ANSA/ALESSANDRO DI MARCO)

Il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, è stato contestato da alcuni studenti e docenti mentre stava partecipando a un incontro organizzato a Torino in occasione della Festa dell’Unità. Un rappresentante del movimento “Studenti Indipendenti” ha letto dal proprio smartphone un testo indirizzato a Giannini e molto polemico nei suoi confronti e del governo per come è stata gestita la riforma della scuola e per come si stanno occupando dei problemi dell’università. È poi intervenuto un secondo studente che ha mostrato un cartello con la scritta “bocciata”.

Il ministro ha risposto alle critiche dicendo:

Il contenuto che lei mi ha detto leggendo un testo è un contenuto che ho già sentito in molti altri contesti. L’unica cosa che mi permetto di dire, al di là del merito che è sempre legato ai temi che lei ha citato, è: abbia il coraggio, qui come altrove, di dirlo con parole sue, abbia il coraggio di esprimersi liberamente, abbia il coraggio di non leggere quello che qualcun altro ha scritto per lei.