Ad agosto Expo è gratis per chi ha un reddito basso

E c'è anche uno sconto del 50 per cento sui biglietti del treno per raggiungere l'Esposizione

Il Decumano a Expo (Marta Cantoni/Il Post)

Per tutto il mese di agosto le persone che hanno un reddito da lavoro o da pensione sotto i 10mila euro all’anno potranno visitare Expo gratuitamente e avranno uno sconto del 50 per cento sui biglietti ferroviari per raggiungere l’Esposizione, sia all’andata che al ritorno. La decisione è stata presa da Tito Boeri (presidente dell’INPS), Michele Mario Elia (amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato) e Giuseppe Sala (commissario unico di Expo). Come spiega l’INPS nel suo comunicato, questa iniziativa potrebbe interessare circa 2 milioni e 200mila italiani, che si trovano nella condizione per ottenere il biglietto gratuito.

Per richiedere il biglietto di ingresso a Expo bisognerà seguire una procedura sul sito dell’INPS, che sarà attiva da mercoledì 15 luglio, e servirà conoscere il proprio codice pin per accedere ai servizi del sito dell’INPS (per chi non ce l’ha si può ottenere qui o chiamando il numero verde 803164). Il commissario Giuseppe Sala ha spiegato che questa iniziativa non è stata creata per aumentare il numero di ingressi a Expo, ma per venire incontro a una delle lamentele più frequenti delle persone: «Tra le critiche quella sul costo dei biglietti è la principale, per questo il nostro compito è fare in modo che più italiani possibile possano visitare Expo».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.