Jason Rezaian (AP Photo/Vahid Salemi, File)
  • Mondo
  • martedì 26 Maggio 2015

In Iran stanno processando un giornalista del Washington Post

Il Washington Post dice che è accusato di spionaggio per la sua attività giornalistica, le udienze si tengono a porte chiuse

di Carol Morello – Washington Post
Jason Rezaian (AP Photo/Vahid Salemi, File)

Secondo l’agenzia di stampa nazionale iraniana è iniziato oggi il processo a Jason Rezaian, un giornalista del Washington Post accusato di spionaggio, e l’udienza si terrà a porte chiuse. L’agenzia ha aggiunto che anche gli altri due sospettati dello stesso capo di accusa si sono dovuti presentare in tribunale al suo fianco: si tratta della moglie e di una collega fotoreporter di cui non è mai stata rivelata l’identità.

Rezaian è il principale inviato a Teheran del Washington Post, è nato e cresciuto in California e ha la doppia cittadinanza. Questo processo è l’apice di una storia iniziata 10 mesi fa, il 22 luglio, quando Rezaian è stato arrestato; sua moglie Yeganeh Salehi, di nazionalità iraniana, è stata arrestata insieme a lui ma è stata rilasciata su cauzione qualche giorno più tardi.

Durante le negoziazioni tra Iran e Stati Uniti per il nucleare, il Dipartimento di Stato ha più volte citato il caso di Rezaian e di altri due americani condannati in Iran: l’ex marine Amir Hekmati e il pastore Saeed Abedini. Il caso di Rezaian ha fatto il giro del mondo – suscitando lo sdegno dell’opinione pubblica – soprattutto grazie alle organizzazioni giornalistiche che si stanno battendo per lui.

«L’Iran deve porre fine a questa ingiustizia subito», ha detto Sherif Mansour, coordinatore del Comitato protezione giornalisti. «Dopo una detenzione ingiustificata di 300 giorni, il minimo che l’Iran possa fare è rilasciare Rezaian su cauzione e garantirgli l’accesso al suo paese e a un iter legale corretto».

È difficile capire su che elementi si basi l’accusa nei confronti di Rezaian, perché i documenti che lo riguardano sono secretati. Conosciamo solo quello che è stato detto dai media iraniani e dal fratello di Rezaian, Ali. Il suo caso è stato affidato a un giudice famoso per aver emesso sentenze di condanna molto dure, inclusa una condanna a morte ai manifestanti antigovernativi. La famiglia di Rezaian ha dovuto faticare molto prima di riuscire a trovare un avvocato che fosse disposto a seguire il caso e al tempo stesso che venisse accettato dalla corte. Gli è stato permesso di incontrarlo per discutere il caso solo una volta, e l’incontro è durato circa 90 minuti. L’avvocato ha detto ai media che su Rezain pendono quattro capi di accusa gravi – principalmente legati alla sua attività giornalistica – tra cui anche quello di spionaggio.

Una newsletter sul dannato futuro dei giornali

Martin Baron, il direttore del Washington Post, ha definito il trattamento di Rezaian da parte delle autorità giudiziarie iraniane «vergognoso» e «illegale». Baron ha inoltre raccontato di aver provato a ottenere il visto per mandare uno dei suoi giornalisti in Iran durante il processo, ma nessuno gli ha mai risposto. Rezaian è stato detenuto nella prigione di Evin, nota per essere il posto in cui vengono detenuti e interrogati i prigionieri politici o i giornalisti. I primi mesi li ha trascorsi in isolamento e ha dovuto affrontare diversi problemi di salute, finché non gli è stata finalmente concessa una visita medica. «Non sono stati in grado di produrre prove a sostegno delle loro assurde accuse», ha detto Baron lunedì, e ha aggiunto: «la data del processo era stata comunicata solo all’avvocato la settimana scorsa, e ora si scopre che, come prevedibile, sarà un processo a porte chiuse».

La madre di Rezaian, Mary Rezaian, è stata a Teheran per due settimane, nella speranza di poter assistere al processo del figlio. Il Dipartimento di Stato e il Comitato per la protezione dei giornalisti hanno lottato per cercare di rendere pubblico il processo ma non sono riusciti a ottenere risultati. Il portavoce ufficiale del tribunale iraniano ha detto ai giornalisti che solo il giudice può decidere se rendere o meno pubblico un processo.

© Washington Post 2015