David Cameron: «Per troppo tempo siamo stati una società passivamente tollerante»

Diversi giornali britannici – tra cui BBC, Guardian, Telegraph – scrivono che David Cameron, primo ministro conservatore del Regno Unito, presenterà oggi una relazione al Consiglio di sicurezza nazionale riguardo una nuova e discussa legge anti-terrorismo. La legge, finalizzata a impedire la “radicalizzazione” dei giovani britannici, era già stata presentata e votata dal Parlamento britannico lo scorso marzo, ma era stata bloccata dai liberal-democratici, che erano gli alleati di governo dei conservatori. I liberal-democratici si erano opposti dicendo che avrebbe potuto limitare la libertà di espressione nel paese. I giornali britannici citano oggi alcune frasi che Cameron dirà oggi al Consiglio di sicurezza nazionale, virgolettandone alcune parti. Tra le altre, Cameron si concentrerà sulle nuove politiche che la legge introdurrà, e di come invece le cose sono andate fino ad ora.

«Per troppo tempo siamo stati una società passivamente tollerante, che diceva ai suoi cittadini: finché rispetti la legge ti lasceremo stare. Spesso siamo quindi rimasti neutrali tra diversi valori. E questo ha aiutato a rafforzare una narrativa di estremismo e risentimento.»

La nuova legge sarà introdotta nel “Queen’s speech” – il discorso con cui il governo espone il suo programma e le principali proposte di legge dell’anno a venire – che Cameron terrà il prossimo 27 maggio. La legge, anticipano i giornali britannici, include nuove regole per l’immigrazione e dà alle autorità più poteri per controllare e limitare «gli estremismi che hanno l’obiettivo di distruggere l’ordine». La legge era già stata presentata in Parlamento a marzo ma i liberal-democratici si erano opposti dicendo che avrebbe limitato la libertà di parola. Secondo il giornalista di BBC Danny Shaw, anche questa volta la legge sarà molto contestata in Parlamento, ma la netta vittoria di Cameron alle ultime elezioni dovrebbe consentire ai conservatori di approvarla più facilmente.

Foto: BEN STANSALL/AFP/Getty Images