Frances Bean Cobain sul padre Kurt e la musica dei Nirvana

Dice che i Nirvana non la fanno impazzire, ma che ascoltare "Dumb" la commuove sempre

Frances Bean Cobain, la figlia del frontman dei Nirvana Kurt Cobain e della cantante Courtney Love, ha parlato con Rolling Stone di “Montage of Heck”, il documentario di HBO sulla vita di Kurt Cobain di cui lei è produttrice.
Durante l’intervista ha fatto qualche commento sulla vita del padre, morto suicida nel 1994, quando lei aveva 2 anni, e sulla musica dei Nirvana.

Mio padre era incredibilmente ambizioso. Ma quello che gli è arrivato è stato troppo, molto oltre le sue ambizioni. Voleva che la sua band avesse successo. Ma non voleva essere la fottuta voce di una generazione.

Quando l’intervistatore le ha chiesto se si ricordava della prima volta che aveva sentito un disco dei Nirvana sapendo che quello che cantava era suo padre, e che cosa ne pensava, lei ha risposto:

I Nirvana non mi piacciono granché [sorride]. Mi scuso con la Universal e con le persone che stanno lavorando alla promozione [del documentario]. Sono più da Oasis, Brian Jonestown Massacre o Mercury Rev. Il grunge non mi interessa tanto. Ma “Territorial pissings” [una canzone di “Nevermind”] è un gran pezzo. E “Dumb” [da “In Utero”] mi fa piangere ogni volta che la sento.

Frances Bean Cobain con la madre Courtney Love al Sundance Film Festiva, a gennaio 2015. Foto: Chris Pizzello/Invision/ANSA/AP