Il librone sul Saturday Night Live

Raccoglie in oltre 2.300 fotografie la storia del più famoso programma comico televisivo americano: da John Belushi ed Eddie Murphy a Jimmy Fallon e Tina Fey

In occasione dei 40 anni del Saturday Night Live (SNL), il più importante e famoso programma comico televisivo degli Stati Uniti, trasmesso ogni sabato sera da NBC, la casa editrice Taschen ha pubblicato Saturday Night Live. The Book, un libro che ne racconta la storia, il cast, gli ospiti, la costruzione degli sketch, e che raccoglie oltre 2.300 immagini, tra cui alcune inedite, tratte dagli archivi: John Belushi, Eddie Murphy, Gilda Radner, Bill Murray, Will Ferrell e i più recenti Tracy Morgan, Jimmy Fallon, Tina Fey, Amy Poehler e Seth Meyers. Il volume è curato dalla studiosa Alison Castle, che ha potuto consultare gli archivi del programma e ha assistito alle prove e alla messa in scena di buona parte della 39esima stagione. Il libro è in inglese ed è distribuito in Italia da Logos Edizioni.

La prima puntata del Saturday Night Live, creata dal produttore Lorne Michaels, andò in onda l’11 ottobre del 1975 alle 23:30. Nel primo sketch John Belushi interpretava uno studente di inglese che ripeteva con un forte accento straniero le frasi senza senso lette da un libro dal suo maestro. Quando l’insegnante cade a terra per un infarto, Belushi si mette la mano sul cuore, finge di non respirare e si butta a terra a sua volta, imitandolo. A quel punto entra in scena Michaels che lancia lo show con la formula utilizzata tutt’ora: “Live from New York, it’s Saturday Night!”. Da allora il programma ha avuto un enorme e costante successo, continuando ad andare in scena in diretta, evitando ogni tipo di censura e facendo ridere in modo sempre originale, brillante e pieno di invenzioni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.