• Scienza
  • mercoledì 4 febbraio 2015

Perché ci mettiamo le dita nel naso?

Che cosa dice la scienza di uno dei gesti più diffusi al mondo e allo stesso tempo più socialmente condannati

Mettersi le dita nel naso è allo stesso tempo uno dei gesti socialmente più condannati al mondo e uno dei più diffusi: coinvolge centinaia di milioni di persone ogni giorno che – per metterla come dice il poeta – cercano nelle loro narici una testimonianza delle loro radici. Molti lo fanno, o lo hanno fatto almeno una volta nella vita, ma negheranno fino alla morte di essersi mai infilati un dito su per il naso, spesso anche quando saranno stati colti in flagrante: inventeranno sempre una scusa, arrossendo, in attesa di una spiegazione scientifica convincente. Finora la scienza delle dita nel naso non ha fatto molti progressi, ma alcuni ricercatori si occupano da tempo di questa pratica e hanno iniziato a elaborare alcune teorie.

Questionario
I medici chiamano la pratica di mettersi le dita nel naso “rinotillexomania” e, come racconta Jason G. Goldman di BBC, uno dei primi studi un minimo sistematici sul tema fu realizzato venti anni fa dai ricercatori Jefferson e Thompson di un centro di ricerca del Wisconsin. Si occuparono del fenomeno dal punto di vista psichiatrico, inviando un questionario a 1.000 volontari residenti nella contea di Dane. Risposero in 254 e il 91 per cento ammise di mettersi talvolta le dita nel naso. Di questi solo l’1,2 per cento dei partecipanti ammise di farlo almeno una volta ogni ora.

Due volontari ammisero che la loro abitudine di mettersi di continuo le dita nel naso influiva in qualche modo con la loro vita di tutti i giorni, con conseguenze non sempre piacevoli. Altri due scrissero nel questionario di avere una tale compulsione da essersi perforati da soli il setto nasale, lo strato che suddivide le due narici. Benché fosse uno studio un po’ approssimativo, con solo un quarto dei questionari compilati adeguatamente, la ricerca di Jefferson e Thompson mise in evidenza quanto sia diffusa la pratica di mettersi le dita nel naso, nei casi estremi con conseguenze per la salute.

Adolescenti
BS Srihari e Chittaranjan dell’Istituto nazionale di neuroscienza e di malattie mentali di Bangalore, in India, provarono ad approfondire il tema concentrandosi su bambini e adolescenti, che tendono a mettersi con più frequenza le dita nel naso rispetto agli adulti. Lo studio fu condotto in una serie di scuole, sempre attraverso la raccolta di informazioni con questionari di vario tipo. Furono selezionati quattro istituti scolastici di Bangalore, con caratteristiche diverse legate soprattutto alle disponibilità economiche delle famiglie.

I due ricercatori si concentrarono sui risultati ottenuti con 200 questionari. Tutti i partecipanti ammisero di mettersi le dita nel naso, mediamente 4 volte al giorno. Il risultato era più o meno corrispondente a quello ottenuto con altri studi, ma le altre risposte permisero di approfondire le conoscenze su questa pratica. Il 7,6 per cento ammise di mettersi le dita nel naso più di 20 volte al giorno, e uno su cinque disse di essere convinto di avere un “serio problema legato al mettersi le dita nel naso”.

Il questionario chiedeva anche quali fossero i motivi che inducevano gli adolescenti a scavare nelle loro narici. La maggior parte di loro disse di farlo per avere sollievo dal prurito o per ripulire le narici dal muco secco. Il 12 per cento dei partecipanti disse semplicemente di mettersi le dita nel naso perché era una sensazione piacevole. Altri dissero di usare utensili al posto delle dita come pinzette, biro e matite. Solo 9 su 200 ammisero di mangiare ciò che ottenevano dalle loro estrazioni tra le narici.

Come avevano ipotizzato, i ricercatori constatarono che mettersi le dita nel naso non aveva particolari legami con il proprio stato sociale. Non furono riscontrate differenze rilevanti tra gli adolescenti appartenenti a famiglie più danarose e quelli che studiavano in scuole più economiche. Furono invece scoperte alcune differenze di genere, seppure lievi: i maschi tendevano a farlo più frequentemente, mentre le femmine davano un giudizio più negativo sulla pratica. Tra i maschi furono riscontrate altre abitudini come mangiarsi le unghie.

Perché
Anche se gli studi successivi a quelli del Wisconsin e di Bangalore hanno permesso di capire qualcosa di più sul fenomeno, a oggi non esiste una spiegazione chiara e convincente sul perché le persone si mettano le dita nel naso. Tra le ipotesi più dibattute c’è quella secondo cui ripulirsi il naso dà un certo grado di soddisfazione, elimina un fastidio, ed è possibile realizzarlo istantaneamente senza dovere andare alla ricerca di un fazzoletto. Il naso inoltre è sempre lì, a portata di dita.

È rischioso?
In alcuni casi mettersi di continuo le dita nel naso può essere un comportamento associato a un qualche tipo di nevrosi. Nel caso di un’attività compulsiva, il continuo inserimento delle dita nelle narici può causare danni alle pareti interne del naso, aprendo ferite che poi faticano a cicatrizzarsi.

Nella maggior parte dei casi, comunque, chi si mette saltuariamente le dita nel naso non deve temere di avere una qualche forma di nevrosi. È una pratica comune a tantissime persone e in generale non comporta grandissimi rischi per la salute. Il naso è comunque il primo filtro per l’aria che poi raggiungerà i polmoni: ha strutture di diverso tipo per fermare le impurità più grandi e alcune di queste si trovano anche nella sua parte più esterna. In ogni caso meglio fermarsi all’estrazione e non degustarle.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.