• Mondo
  • mercoledì 26 novembre 2014

Il video del poliziotto che spara a Tamir Rice

Si vede l'auto della polizia avvicinarsi al dodicenne afroamericano che agitava una pistola finta, e un agente sparargli dopo due secondi

La polizia di Cleveland, Ohio, ha diffuso un video girato da telecamere di sicurezza che mostra il momento in cui Tamir Rice, un dodicenne afroamericano, viene colpito da due colpi di pistola sparati da un poliziotto. Rice è morto il giorno dopo in ospedale. La polizia aveva ricevuto alcune segnalazioni riguardo un ragazzino che nel parco di Cleveland spaventava i passanti con una pistola, poi rivelatasi ad aria compressa. I due agenti intervenuti hanno raccontato di aver ordinato per tre volte a Rice di alzare le mani, ma che lui avrebbe rifiutato e avrebbe cercato invece di estrarre la pistola dalla cintura dei pantaloni. Nel video si vede l’auto della polizia avvicinarsi a Rice e nel giro di due secondi un agente gli spara contro due volte e il ragazzino cade a terra.

Nella registrazione di una conversazione radio successiva alla sparatoria, si sente un poliziotto dire: «Sparato dei colpi, uomo a terra, un nero, forse ventenne». In un’altra registrazione si sente cosa era stato detto ai poliziotti dall’operatore che riportava le segnalazioni dei residenti: l’operatore parla di un «maschio nero seduto sulle altalene che si toglie la pistola dai pantaloni e la punta alla gente» e non fa cenno al fatto che l’arma potesse essere finta, come almeno due persone avevano avvertito nelle loro segnalazioni.

Il video al rallentatore

La polizia ha aperto un’indagine per chiarire i fatti e stabilire che tipo di informazioni siano state fornite ai due poliziotti riguardo i motivi della richiesta di intervento. Intanto i due agenti sono stati messi in aspettativa: uno dei due lavorava per la polizia di Cleveland da meno di un anno, l’altro da più di dieci. Non è stato detto chi dei due abbia sparato contro Rice.

Una foto di Tamir Rice (AP Photo/Courtesy Richardson & Kucharski Co., L.P.A.)

Una foto di Tamir Rice (AP Photo/Courtesy Richardson & Kucharski Co., L.P.A.)

Martedì la famiglia di Rice ha diffuso questa dichiarazione:

«Pensiamo che le azioni dell’agente che ha tolto la vita a nostro figlio debbano essere mostrate a tutti. Preghiamo e chiediamo a tutti i cittadini della città di Cleveland e dell’Ohio Nord-occidentale di restare calmi. Chiediamo alle persone di manifestare pacificamente».

Foto: AP Photo/Mark Duncan

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.