Case di Parigi, volanti

I lavori di Laurent Chéhère, che ritrae appartamenti, roulotte e altre abitazioni di Parigi sospesi in cielo

Flying Houses è un progetto del fotografo francese Laurent Chéhère, nato a Parigi nel 1972: ogni immagine raffigura una casa che esiste realmente a Parigi, sospesa nel cielo tra le nuvole come fosse un aquilone. Chéhère ha iniziato il progetto nel 2007: da allora ha esplorato i quartieri multietnici di Belleville, Ménilmontant – dov’è nato – e Pigalle per prendere ispirazione dalle roulotte degli zingari, dalle case degli immigrati africani dai cinema erotici, dagli hotel decrepiti o dalle semplici e ordinate villette di periferia. Fotografava le case che lo colpivano di più e poi le modificava con Photoshop, accompagnando le immagini con nuovi dettagli: graffiti, insegne, poster cinematografici, muri scrostati, una coppia affacciata alla finestra, tutti particolari che incuriosiscono l’osservatore e lo invitano a immaginare una storia per quella casa e per le persone che ci abitano.

Chéhère ha spiegato che Flying Houses è da un lato una visione poetica della vecchia Parigi, dall’altro un omaggio al lavoro di artisti e registi: alcune case sono per esempio ispirate a film come Il castello errante di Howl (2004) di Hayao Miyazaki, Il palloncino rosso (1956) di Albert Lamorisse, Il cielo sopra Berlino (1987) di Wim Wenders, e La Strada (1954) di Federico Fellini. Il Circo per esempio era originariamente un triste circo a nord di Parigi, lungo una sporca autostrada, ma è anche un omaggio a La Strada e al personaggio di Bruno Ganz ne Il cielo sopra Berlino. Still Life prende spunto dal vecchio laboratorio di un imbalsamatore a Berlino e tra i numerosi animali è infilato anche Totoro, un personaggio di Miyazaki. The great illusion è un edificio pericolante con in cima un gruppo di africani che ricorda i migranti sui barconi, e rappresenta una metafora del loro viaggio difficile e rischioso.

Le fotografie di Chéhère sono esposte in numerose mostre in tutto il mondo (trovate l’elenco qui), mentre sul suo sito si possono guardare gli altri suoi progetti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.