• Cultura
  • lunedì 15 settembre 2014

La classe dell’84

Trenta persone che nel 2014 diventano grandi, come il principe Harry oggi ("Maddai, ha già trent'anni?")

Dopo che l’antologia di persone che quest’anno compiono 50 anni aveva ricevuto molte attenzioni e commenti, al Post ci siamo domandati quali altri “passaggi di età” suonino così solennemente di svolta, come quello che porta per la prima volta dentro ai 50 anni. La particolarità di quella raccolta era infatti di suscitare per la maggior parte dei citati la reazione “maddai? ha già 50 anni?”, una tappa anagrafica che probabilmente non ha uguali nell’effetto che fa, in termini di cambiamento, di tempo che passa. Cinquantanni. Prima e dopo, suonano molto diversi.
Abbiamo concluso che l’unico altro passaggio di stato che compete con quello, in termini di svolta, è quello che fa abbandonare definitivamente i vent’anni, che toglie da quell’epoca lì della vita. Trentanni. Certo, oggi si è “giovani” ancora a trent’anni, o addirittura “ragazzi”: ma si hanno trent’anni, e qualcosa è finito. Oggi, lunedì 15 settembre, compie trent’anni pure il principe Harry, il “fratello piccolo”: e con lui li compiono nel 2014 molti altri di cui viene da dire “maddai? ha già 30 anni?”, tra i quali ne abbiamo scelti – pensa un po’ – trenta.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.