Le mappe universali della metropolitana

Come sarebbero quelle di 12 grandi città internazionali se usassero gli stessi criteri e simboli standard

Jug Cerovic – architetto di origine serba che lavora da tempo a Parigi, in Francia – ha realizzato una serie di “mappe standardizzate” delle linee di metropolitana di 12 grandi città del mondo, tra cui New York, Mosca, Pechino, Londra, Barcellona e Parigi. Le mappe di Cerovic sono state pensate per essere omogenee tra loro: usano un insieme di simboli standard, le linee solo solo verticali, orizzontali o con un angolo di 45 gradi, e in ciascuna non sono contenute più di cinque linee curve. Cerovic ha voluto dare forme simboliche alle diverse città: il cerchio per Mosca e Parigi, il rettangolo per Pechino e Shanghai e la griglia di un modello stradale per New York e Città del Messico.

Cerovic ha spiegato a Slate di avere cominciato a disegnare mappe schematiche simili a queste per la metro di Belgrado, la città dove è nato: «Visto che la città non forniva mappe leggibili e facili da usare ne ho disegnato una serie completa, dettagliata e schematica». Poi Cerovic ha provato a disegnare le mappe della metropolitana di Parigi e Madrid, dove ha trascorso dei periodi per motivi di lavoro: «Col tempo ho sviluppato una serie di simboli, uno standard che poi ho applicato alle altre città. E funziona! Ho finito per fare i disegni di 12 tra le linee di metropolitana più complesse al mondo». Cerovic ha anche provato a convincere le amministrazioni locali ad adottare le sue mappe: dopo difficoltà burocratiche e diversi “no, grazie”, ha deciso di pubblicarle online sul sito inat.fr (INAT è una parola serba difficile da tradurre, un mix di orgoglio e testardaggine) e di renderle disponibili all’acquisto in tre dimensioni diverse.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.