La fine di “How I Met Your Mother”

Cose da sapere se non avete mai visto una delle serie tv più popolari di sempre, finita lunedì, e se non la volete neanche vedere (che è pieno di spoiler)

di Luca Misculin – @LMisculin

Lunedì 31 marzo è andata in onda negli Stati Uniti l’ultima puntata di “How I Met Your Mother”, una delle sitcom – cioè una serie comica girata in studio – di maggior successo nella storia della televisione americana: è stata trasmessa sulla rete televisiva CBS per nove stagioni a partire dal 2005, mentre in Italia è stata trasmessa dal 2008 su Italia 1 prima con il titolo di E alla fine arriva mamma!, e a partire dalla quarta stagione con quello originale. La puntata di l’altroieri è stata la più vista di tutta la serie, e uno dei finali di stagione più visti degli ultimi anni: l’hanno seguita 12,9 milioni di spettatori (per esempio, il finale di “Breaking Bad” è stato visto da 10,3 milioni di spettatori). Gli stessi sceneggiatori hanno già annunciato che produrranno una nuova serie intitolata “How I Met Your Dad” ma con attori diversi e una nuova storia.

(Le 15 serie tv scritte meglio di sempre)

Cos’è “How I Met Your Mother”
La serie racconta la storia di un gruppo di cinque amici trentenni che vivono a New York, tre dei quali nello stesso appartamento (ma nel corso della serie ci sono stati vari traslochi). È ambientata ai giorni nostri, e vari dialoghi riprendono fatti di attualità o film e libri usciti in questi anni (la prima serie è ambientata nel 2005, la seconda nel 2006, la terza nel 2007 e così via). L’idea narrativa della serie – da cui il titolo – sta nel fatto che tutti gli episodi sono raccontati in prima persona da Ted Mosby, il protagonista, il quale una sera del 2030 racconta ai figli tutto ciò che è accaduto al suo gruppo di amici fra il 2005 e il 2014 per spiegar loro come ha conosciuto loro madre. La vicenda della madre, in realtà, è una storia “contenitore” che solo occasionalmente ha dei legami con ciò che accade nei singoli episodi: fino all’ultima puntata dell’ottava stagione, per esempio, il volto della madre non era mai stato mostrato agli spettatori.

La serie è una comedy, cioè ha un impianto essenzialmente comico: negli anni è stata molto apprezzata soprattutto per la sua capacità di alternare diversi tipi di comicità all’interno di una stessa puntata: alterna spesso la freddura, l’equivoco, il gioco di parole, il nonsense. Nella quinta puntata della terza stagione, ad esempio, in una scena ambientata negli anni in cui i protagonisti frequentavano il college, la voce fuori campo di Ted sta per raccontare ai propri figli che ai tempi erano soliti fumare molta marijuana, per poi fermarsi e sostituire “fumare marijuana” con “mangiare panini”: per tutto l’episodio, quindi, gli attori maneggiano dei veri panini come se fossero delle canne. 

how

Come spiega fra gli altri il New York Times, “How I Met Your Mother” è stata anche una serie particolare per il modo con cui è stata gestita da CBS: poche sitcom in passato hanno avuto una storia orizzontale così ben sviluppata (a parte forse “Friends”); e lo stesso finale, che contiene un notevole colpo di scena, è più da sviluppo “narrativo” che da sitcom. Inoltre, alcune battute o temi ricorrenti vengono riproposti in varie puntate della serie, anche a decine di puntate di distanza.

(le dieci migliori battute ricorrenti della serie)

I cinque attori che recitano la parte dei cinque personaggi principali sono Joshua Radnor (il protagonista), Jason Segel, Alyson Hannigan, Neil Patrick Harris e Cobie Smulders. All’inizio della serie, solo Neil Patrick Harris e Alyson Hannigan avevano una qualche notorietà: Harris da ragazzo era stato il protagonista della serie “Doogie Howser” nel ruolo di un medico giovanissimo, mentre Hannigan era stata nel cast della serie televisiva “Buffy: l’ammazzavampiri” ed era una delle protagoniste della serie di film American Pie. “How I Met Your Mother” è stata creata dagli sceneggiatori americani Craig Thomas e Carter Bays.

La serie ha avuto nel corso degli anni diversi riconoscimenti e vari episodi “speciali”, nei quali hanno recitato diverse guest star (attori che entrano nel cast della serie per un numero limitato di episodi, spesso anche uno solo). Dal 2005 al 2009, fra gli altri premi, ha vinto nove Emmy. Fra le moltissime guest star, hanno recitato in “How I Met Your Mother” Katy Perry, Bryan Cranston, Kyle MacLachlan, Britney Spears, Jennifer Lopez e alcuni attori noti per altre serie televisive molto famose, fra cui Ray Wise (Leland Palmer in Twin Peaks) e Jorge Garcia (Hugo “Hurley” Reyes in Lost).

La trama in breve, compresa l’ultima puntata

(chi conosce già tutte le nove stagioni oppure non vuole rovinarsi il finale può saltare direttamente al paragrafo successivo)

Ted Mosby è un architetto che vive a New York assieme a una coppia di due suoi amici del liceo, Lily Aldrin e Mashall Eriksen. Assieme conoscono prima Barney Stinson, uno strano uomo d’affari, e Robin Scherbatsky, una giornalista canadese appena arrivata a New York. I cinque cominciano a frequentarsi, e in breve Robin e Ted si mettono assieme, per poi lasciarsi alla fine della seconda stagione (poco dopo che anche Lily e Marshall si erano lasciati e poi si erano rimessi assieme). Ted comincia quindi ad avere varie relazioni con ragazze che compaiono nella serie solo per alcuni episodi (rimanendo comunque molto affezionato a Robin): la più lunga di queste relazioni avviene con una ragazza di nome Stella (interpretata da Sarah Chalke, una delle protagoniste di Scrubs), che però lo lascia nel giorno del loro matrimonio.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.