Com’è fatto Office per iPad

Le cose da sapere sulla prima versione di Word, Excel e PowerPoint fatte da Microsoft per il tablet di Apple

Giovedì 27 marzo il nuovo amministratore delegato di Microsoft, Satya Nadella, ha presentato la prima versione di Office fatta appositamente per gli iPad, mettendo fine ad anni di ipotesi sull’arrivo della serie di applicazioni per scrivere, compilare fogli di calcolo e fare presentazioni sul tablet di Apple. Office per iPad è costituito da tre diverse app – Word, Excel e PowerPoint – che possono essere scaricate gratuitamente sull’App Store per vedere le anteprime dei propri file ed effettuare presentazioni al computer. Le funzioni di modifica e salvataggio dei file sono disponibili solo per chi ha già o decide di sottoscrivere un abbonamento a Office 365. In questo modo Microsoft confida di fare diffondere rapidamente le sue nuove applicazioni, incentivando al tempo stesso la sottoscrizione di nuovi abbonamenti al suo servizio Office 365, che dà la possibilità di usare Word, Excel e il resto su più computer a partire da 99 euro l’anno.

Nadella ha spiegato che le app di Office per iPad hanno sostanzialmente tutte le funzionalità e le opzioni della versione classica per computer. Tasti, menu e icone sono stati adattati per essere utilizzati più facilmente su un dispositivo che non ha un mouse, cercando comunque di mantenere un’impostazione grafica familiare e che richiama il più possibile la versione desktop di Office. Come mostrano le prime immagini di presentazione, si possono effettuare diverse modifiche durante l’editing sia su Word, con l’inserimento di note, commenti e indici, sia su Excel con l’utilizzo di formule, grafici e sistemi di compilazione automatica. PowerPoint offre tutte le principali opzioni della versione desktop, transizioni e animazioni comprese tra una slide e l’altra.

Chi utilizza OneDrive, il sistema per salvare i file su Internet (cloud) e averli in questo modo accessibili su tutti i dispositivi, può accedere direttamente ai propri documenti e modificarli tramite Office su iPad. Ci sono inoltre opzioni per modificare lo stesso file in contemporanea da più dispositivi e con persone diverse, nel caso di gruppi di lavoro.

La versione di Office per iPad è arrivata dopo numerosi temporeggiamenti da parte di Microsoft. Si era parlato della possibilità di un suo arrivo già nel 2012, poi nel 2013 e infine di ritardi nella sua realizzazione. La società, fino a qualche tempo fa, sperava di spingere gli utenti ad acquistare i tablet alternativi a quelli di Apple e con Windows installato sopra. Nadella ha spiegato che la strategia ora è più chiara: l’obiettivo è raggiungere il maggior numero possibile di persone con questo tipo di applicazioni a prescindere dal dispositivo che hanno in mano.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.