Le illustrazioni di Paolo Ventura

Quattro tavole tratte dalla rivista "Un sedicesimo", che la casa editrice Corraini appalta ogni due mesi a un illustratore diverso

L’illustratore milanese Paolo Ventura ha realizzato il 34esimo numero di Un Sedicesimo, una rivista bimestrale edita dalla casa editrice Corraini. La rivista non ha un tema ricorrente o una redazione fissa: ogni numero viene affidato a un artista diverso che ha 16 pagine a disposizione per illustrarle a suo piacimento. Quello pensato da Ventura è intitolato The Napoleonic soldier and other stories, raccoglie tre “microracconti fotografici”, come li definisce la casa editrice: la storia di un soldato napoleonico che incontra la morte nella campagna di Russia, un bambino che fa birdwatching e poi scompare volando in cielo, e un uomo con la stella di David al petto che svanisce in una città.

Come spiega Corraini:

Paolo Ventura esprime la sua poetica spiazzante, melanconica e metafisica. Le sue fotografie, in bilico tra sogno e realtà, sono frutto di meticolose messe in scena costruite all’interno del suo studio, piccoli set in cui l’artista diventa scenografo (i fondali sono dipinti a mano da lui stesso), costumista, regista e attore protagonista.

Ventura è nato nel 1968 ed è figlio di Piero Ventura, un famoso illustratore di storie per bambini. Dopo aver frequentato l’Accademia di Belle arti di Brera, si trasferì a New York come fotografo di moda. Da allora ha esposto i suoi lavori in musei e gallerie in tutto il mondo, compreso il Padiglione italiano della Biennale di Venezia del 2011. Alcuni fanno parte delle collezioni del Boston Museum of Fine Arts, della Library of Congress di Washington, del MACRO – Museo d’arte contemporanea Roma – e della Maison Européenne de la Photographie di Parigi. Le sue opere hanno un’atmosfera fiabesca e surreale, raccontano mondi immaginari insieme a storie della Seconda guerra mondiale raccontategli dalla nonna. Il suo mondo misterioso è popolato di uomini con cappello, impermeabile e valigetta, palloncini che fluttuano in aria, arlecchini e funamboli, e la nebbia di Parigi.

Un Sedicesimo si può comprare anche online: quello illustrato da Ventura si può guardare per intero qui, mentre qui si trovano i numeri precedenti della rivista.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.