• Italia
  • martedì 25 febbraio 2014

La rimozione del treno ad Andora – foto

La locomotiva e il vagone deragliati a metà gennaio sono stati raddrizzati sui binari e trainati fino alla stazione della città: ora c'è il conto da pagare

Lunedì 24 febbraio sono stati rimossi il vagone e la locomotiva dell’Intercity 660 deragliato nei pressi di Andora, in provincia di Savona, a causa di una frana a metà gennaio. L’operazione è stata realizzata utilizzando due gru collocate su una chiatta, che si è avvicinata alla porzione di costa lungo cui corre la ferrovia. I lavori sono stati svolti da circa quaranta ferrovieri e da una trentina tra tecnici e operai della ditta Vernazza. La locomotiva e il vagone sono stati sollevati da terra, ricollocati sui binari e infine trainati verso la stazione di Andora. Sgomberata la linea, possono iniziare i lavori per rimettere a posto la sede dei binari e rimuovere le ultime parti della frana. Le Ferrovie confidano di potere riaprire completamente la linea entro il prossimo 10 marzo.

I lavori per la rimozione della locomotiva e del vagone ad Andora sono costati circa 2,5 milioni di euro. Come spiega Il Secolo XIXnon è ancora del tutto chiaro chi pagherà il conto: l’amministratore delegato di Rete Ferroviaria Italiana (RFI) ha comunicato al sindaco di Andora, Franco Floris, che sarà addebitato al suo comune parte del lavoro, ma Floris ha risposto dicendo che non intende pagare e che anzi chiederà i danni a RFI e Trenitalia per i disagi delle ultime settimane.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.