• Mondo
  • mercoledì 6 novembre 2013

L’Afghanistan visto da Anja Niedringhaus

Le immagini di una fotografa tedesca che secondo l'Atlantic ha «un occhio incredibile per la luce e la composizione»

Anja Niedringhaus è una fotografa di Associated Press che, dal 2011, documenta la complicata storia dell’Afghanistan e la vita dei suoi abitanti: bambini su un motorino o mentre giocano a calcio, padri che baciano i figli, mercati di animali e militari armati. L’Atlanticche ha recentemente pubblicato il suo lavoro – ha scritto che Niedringhaus sa raccontare le storie delle persone in modo «forte e coerente, con un occhio incredibile per la luce e la composizione, e un livello di compassione che si mostra chiaramente attraverso le sue immagini».

Anja Niedringhaus è nata nel 1965 a Höxter, in Germania. Ha iniziato a lavorare come fotografa freelance a 17 anni mentre era ancora alle superiori. Nel 1989 ha documentato la caduta del muro di Berlino per il quotidiano tedesco Göttinger Tageblatt e l’anno seguente ha iniziato a lavorare come fotografa a tempo pieno per la European Pressphoto Agency a Francoforte. Nel 2001 è andata a New York per raccontare la situazione della città dopo l’11 settembre e poi è stata inviata per tre mesi in Afghanistan, dove ha raccontato la caduta dei talebani. Nel 2002 è stata assunta dall’agenzia fotografica Associated Press, per cui ha realizzato reportage dall’Iraq, Afghanistan, dalla Striscia di Gaza, Israele, Kuwait e Turchia. Nel 2005 ha vinto il premio Pulitzer nel fotogiornalismo per le fotografie realizzate durante la guerra in Iraq. Ha ricevuto molti altri premi e riconoscimenti e i suoi lavori sono stati esposti al Museo di Arte moderna di Francoforte e in altri musei.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.