• Mondo
  • sabato 2 Novembre 2013

Il leader dei talebani pakistani è stato ucciso

Si chiamava Hakimullah Mehsud ed è morto ieri nell'attacco di un drone americano, mentre il governo prova ad aprire un dialogo con i militanti

Hakimullah Mehsud, leader dei talebani pakistani, è stato ucciso da un drone americano venerdì 1 novembre nella regione tribale del Waziristan, nel nordovest del Pakistan al confine con l’Afghanistan. La notizia della sua morte non è stata confermata dal governo americano, ma diverse fonti anonime all’interno del governo pakistano e dei talebani hanno confermato che Mehsud è morto. Il governo pakistano non ha confermato la notizia ma ha dichiarato che condanna fortemente gli attacchi di droni sul proprio territorio.

Mehsud, che si ritiene avesse 33 anni, era diventato il capo del talebani pakistani nel 2009, dopo che il suo predecessore era stato ucciso in un altro attacco di droni. Si pensa che Mehsud sia stato il mandante dell’attacco a Camp Chapman, in Afghanistan, il 30 dicembre 2009, quando un informatore della CIA si fece esplodere uccidendo nove agenti americani, giordani e afgani. L’FBI aveva messo una taglia di 5 milioni di dollari per chi fosse riuscito a fornire informazioni su di lui.

Secondo le ricostruzioni fatte da alcuni membri del movimento talebano, Mehsud venerdì era appena uscito da una riunione con altri leader, avvenuta in una moschea nella cittadina di Miranshash, nella regione tribale del nord-Waziristan. Nella riunione, a quanto raccontano le fonti, Mehsud aveva discusso con gli altri capi la risposta da dare al governo pakistano, che in questi giorni ha ripetuto le richieste di iniziare un negoziato con i talebani.

Dopo essere uscito dalla moschea insieme alle guardie del corpo, Mehsud è salito sulla sua automobile. A quel punto la macchina è stata colpita, non è chiaro se da due o quattro missili lanciati da un drone. Nell’attacco sarebbero morte altre tre persone. Il corpo di Mehsud, hanno dichiarato i talebani, non era più identificabile. Secondo alcuni la sua sepoltura è già avvenuta, mentre secondo altri avverrà oggi. Di sicuro, tutte le fonti sono concordi nell’affermare che nel corso della giornata di sabato 2 novembre i capi dei talebani pakistani sceglieranno il nuovo leader del movimento.

Secondo il corrispondente di BBC dal Pakistan M. Ilyas Khan, il successore potrebbe essere Khan Said Sajna, capo di uno dei gruppi talebani più influenti e più favorevoli alla linea del dialogo con il governo pakistano. L’attacco è avvenuto il giorno stesso in cui il governo pakistano aveva annunciato l’invio di una delegazione nel Waziristan per incontrare i capi talebani e iniziare un negoziato. Il ministro degli Interni pakistano, Nisar AliKhan, ha dichiarato che l’attacco fa parte di una cospirazione per sabotare i colloqui di pace. Il conflitto tra il governo pakistano e i talebani dura da anni e finora è costato circa 45 mila morti.

Foto: Hakimullah Mehsud, a sinistra, in una foto del 4 ottobre 2009.
(AP Photo/Ishtiaq Mehsud, File)