Papa Francesco: «Se una persona è gay chi sono io per giudicarla?»

Papa Francesco ha risposto stamattina a molte domande dei giornalisti sull’aereo di ritorno dal Brasile, dove ha partecipato alla Giornata Mondiale della Gioventù. Interpellato sulla questione della cosiddetta “lobby gay” in Vaticano, ha detto:

«Le lobby tutte non sono buone. Mentre se uno è gay e cerca il Signore, chi sono io per giudicarlo? Non si devono discriminare o emarginare queste persone, lo dice anche il Catechismo»

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.