• cit
  • venerdì 14 Giugno 2013

Il caldo è sempre “insopportabile”

CALDO
Sempre “insopportabile”. Non bere quando fa caldo. “Non si respira”.

Gustave Flaubert, Dizionario dei luoghi comuni, pubblicato postumo nel 1911. Il dizionario era definito dall’autore uno «sciocchezzaio: la minuziosa e quasi maniacale raccolta di prove della estremamente diffusa stupidità umana». Raccoglie per ogni parola i cliché e le banalità che le venivano solitamente associati all’epoca di Flaubert (nato nel 1821 e morto nel 1880). Spesso, come in questo caso, sono gli stessi ripetuti ancora oggi.