• Mondo
  • martedì 9 Aprile 2013

Il terremoto in Iran

Di magnitudo 6.1, si è verificato a poca distanza dalla centrale nucleare di Bushehr, ma non ci sono notizie di danni all'impianto

Aggiornamento delle 17:41
La stima delle persone morte a causa del terremoto è stata rivista a 30. I feriti sono almeno 800.

Aggiornamento delle 17:15
Almeno 20 persone sono morte a causa dei crolli causati dal terremoto di magnitudo 6.1 in Iran, riferisce l’agenzia di stampa AFP. Secondo le autorità locali, almeno 500 persone sono rimaste ferite. Tra i villaggi più danneggiati ci sono quelli di Shanbeh e Sana, che si trovano a sud di Bushehr, città in cui è attivo l’unico impianto nucleare iraniano. Non ci sono notizie di danni alla centrale, che stando alle informazioni fino a ora circolate sarebbe regolarmente in attività.

— — —

Alle 13:52 di martedì 9 aprile, c’è stato un terremoto in Iran di magnitudo 6.1. La scossa si è verificata nella provicina di Bushehr nel sud-ovest del paese a poca distanza dalla costa e dalla città di Bushehr, la più grande della zona. Stando alle prime informazioni fornite dalla televisione di stato iraniana, sono morte almeno 3 persone, ma si tratta ancora di una stima provvisoria e mancano informazioni più precise dalla zona dell’epicentro. Il terremoto è stato avvertito in diverse zone del Golfo Persico e fino a Dubai, Abu Dhabi e nel Bahrein.

A Bushehr c’è l’unico impianto nucleare funzionante dell’Iran. La società russa che ha costruito parte della centrale ha riferito all’agenzia di stampa Interfax che la struttura non ha subito danni a causa del terremoto, e delle seguenti scosse. Non sono state rilevate oscillazioni anomale nei livelli di radiazioni e il personale è regolarmente al lavoro nell’impianto. La centrale è da tempo oggetto di polemiche e si ritiene che possa essere utilizzata non per scopi civili, ma per dotare l’Iran di testate atomiche.

foto: la centrale nucleare di Bushehr (AP Photo/Mehr News Agency, Majid Asgaripour)