Mel Gibson e il complotto ebraico contro papa Luciani

Ieri la Warner Bros ha annunciato la cancellazione del film The Maccabees che sarebbe stato diretto da Mel Gibson e da Joe Eszterhas, che ha sceneggiato, tra le altre cose, Basic Instinct nel 1992. Il film, annunciato a settembre 2011, avrebbe raccontato la storia di Giuda Maccabeo, che nel 167 a.C. guidò la rivolta ebraica contro l’impero Seleucide che stava cercando di ellenizzare il Medio Oriente ed estirpare il monoteismo. Mel Gibson aveva molto criticato la sceneggiatura di Eszterhas che mancava – secondo lui – «di senso di trionfo».

Il sito dedicato al cinema The Wrap ha pubblicato una lettera di nove pagine scritta da Eszterhas e inviata a Gibson il 9 aprile. Eszterhas accusa Gibson di voler usare il film soltanto per allontanare le accuse di antisemitismo, che gli avevano rovinato la carriera dopo che nel 2006 era stato arrestato mentre guidava in stato di ubriachezza e aveva reagito con insulti antisemiti e definendo gli ebrei responsabili di tutte le guerre. Nella lettera Eszterhas accusa nuovamente Gibson di antisemitismo e scrive di essere giunto alla conclusione che il vero motivo della cancellazione del film sarebbe il suo odio contro gli ebrei. Eszterhas riporta alcune teorie strampalate che dimostrerebbero l’ossessione di Gibson, tra cui:

«Hai detto che della morte di Papa Luciani è responsabile un “complotto ebraico liberal”, completato – mi ha spiegato tuo padre – quando un cardinale si è seduto sulla faccia del Papa e lo ha soffocato»

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.