• Scienza
  • martedì 13 dicembre 2011

Le nuove specie scoperte dal WWF

Sono oltre duecento, tutte intorno al fiume Mekong, e tra queste ci sono un geco psichedelico e una scimmia che quando piove starnutisce in continuazione

Il WWF ha da poco confermato la scoperta di oltre duecento nuove specie nell’area intorno al fiume Mekong, una subregione definita “Greater Mekong” (Gran Mekong) che comprende la Cambogia, il Laos, la Birmania, la Thailandia, il Vietnam e la provincia dello Yunnan in Cina. L’area, densa di foreste ancora incontaminate, è considerata uno dei più importanti “hotspot di biodiversità”, cioè i luoghi sulla faccia della Terra in cui vive un’altra concentrazione di specie geneticamente diverse tra loro. Le scoperte sono state condotte principalmente nel 2010, dichiarato dall’ONU Anno internazionale della biodiversità, cui segue il Decennio della biodiversità iniziato quest’anno.

L’area del Greater Mekong solo tra il 1997 e il 2009 ha portato alla scoperta di 1.376 nuove specie. Lo scorso anno sono state identificate 145 nuove specie di piante, 28 nuovi rettili, 25 specie di pesci, 7 di anfibi, due nuove specie di mammiferi e un uccello. Una quantità considerevole che dimostra quanto sia importante la preservazione di quell’area del mondo, spiegano gli esperti del WWF. Probabilmente a causa del cambiamento climatico, la subregione si sta riscaldando in modo anomalo con sensibili conseguenze per la flora e per la fauna. Le inondazioni sono diventate più violente e frequenti, mentre nella stagione secca aumentano i periodi di forte siccità.

Il WWF ha messo l’area del Greater Mekong nella lista degli hotspot di biodiversità più in pericolo. Il lavoro di ricerca nell’area serve anche per sensibilizzare i governi del mondo e l’opinione pubblica sui pericoli causati dai cambiamenti del clima, che rischiano di compromettere gli ecosistemi di una delle zone più ricche di specie diverse del nostro pianeta. Tra i nuovi animali scoperti ci sono un geco psichedelico, piante carnivore che mangiano topi e una scimmia che quando piove starnutisce in continuazione.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.