La playlist che ha convinto Matt Damon a fare La mia vita è uno zoo

Il regista Cameron Crowe gli aveva preparato un cd per descrivergli l'atmosfera del film che aveva in mente

Per convincere Matt Damon a far parte del cast di We Bought A Zoo (La mia vita è uno zoo, nella versione italiana), il regista Cameron Crowe gli aveva preparato una compilation e gliel’aveva portata sul set di True grit. Lo racconta l’Hollywood Reporter.

Crowe era andato sul set di True Grit dei fratelli Cohen [in cui Damon recita la parte del ranger Labeouf] e gli aveva portato una versione della sceneggiatura, un cd di canzoni messo insieme da lui, e una copia di Local Hero, un film del 1983 in cui Peter Riegert è MacIntyre, il dirigente di una compagnia petrolifera mandato in uno sperduto villaggio in Scozia. «Mi ha detto di non prendere la decisione basandomi soltanto sulla sceneggiatura», ha raccontato Damon. Crowe infatti aveva preparato un vero e proprio kit – musica, film e parole – non soltanto per trasmettere l’idea che aveva in mente, ma per immergere Damon nel mondo che voleva raccontare nel film.

We Bought A Zoo uscirà a dicembre, e racconta la storia di un uomo che decide di trasferirsi con la famiglia nella campagna inglese e compra uno zoo in rovina nella speranza di riportarlo in attività. Il cast comprende anche Scarlett Johansson, Thomas Haden Church ed Elle Fanning. Damon recita la parte di Benjamin Mee, il protagonista. La playlist ha funzionato, ed è questa:

Pete Townshend – Save it for later

Pearl Jam – I’m Open

Neil Young – War of Man

Soul Boy – The Blue Nile

Warren Zevon and Jackson Browne – Mohammed’s Radio

Shugo Tokumaru – Sanganichi

Wilco – Airline to Heaven

Bob Dylan – Buckets of Rain

Don Henley – The Heart Of The Matter

My Morning Jacket – I Will Be There When You Die

Bill Withers – Ain’t No Sunshine

Rolling Stones – Child Of The Moon

Ryan Adams – If I Am A Stranger

Beth Orton – Concrete Sky

The Band & Neil Young – Helpless

Cat Stevens – Don’t Be Shy

Mark Olson – No Time To Live Without Her

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.