Le prime pagine di oggi

Il decreto sulle intercettazioni domina tutti i quotidiani, solo alcuni hanno fatto in tempo a dare la notizia della morte di Steve Jobs

La discussione parlamentare del decreto legge sulle intercettazioni e l’approvazione dei suoi emendamenti domina le prime pagine di tutti i giornali, insieme alle conseguenti dimissioni dell’avvocato Giulia Buongiorno, presidente della commissione Giustizia della Camera, e agli ormai consueti attacchi a Tremonti da parte della sua stessa maggioranza. Il Corriere della Sera è riuscito a ribattere la prima pagina inserendo la notizia della morte di Steve Jobs, arrivata in Italia quando erano le 2 del mattino, ma in molte città è disponibile con la vecchia edizione. Allo stesso modo Repubblica: in alcune città ha la morte di Steve Jobs in prima pagina, in altre no.

Una newsletter sul dannato futuro dei giornali