• Mondo
  • giovedì 4 agosto 2011

La campagna presidenziale in Irlanda

Il candidato gay dato per favorito si è ritirato, e potrebbe rimpiazzarlo la cantante Dana

David Norris, il candidato indipendente dato per favorito alle prossime presidenziali irlandesi, ha dato le dimissioni martedì in seguito alle rivelazioni legate a una relazione avuta in passato con un uomo israeliano. Norris, senatore alla camera alta del Parlamento irlandese, sarebbe probabilmente diventato il primo presidente dichiaratamente omosessuale di un paese europeo.

Nei giorni scorsi i giornali irlandesi e britannici hanno iniziato a parlare della sua relazione con Ezra Yizhak Nawi, un israeliano che nel 1992 era stato condannato per avere stuprato un quindicenne palestinese. Norris aveva scritto una lettera al tribunale israeliano per chiedere un atto di clemenza per l’allora suo partner sostenendo che Nawi era «caduto in una trappola» ed era stato costretto a dichiararsi colpevole contro la sua volontà. La lettera era stata scritta su carta ufficiale del Parlamento irlandese.

Molti membri del suo staff avevano iniziato ad abbandonarlo ancora prima che Norris annunciasse ufficialmente le sue dimissioni martedì. «Non rimpiango di avere chiesto un atto di clemenza per un amico, ma rimpiango di avere dato l’impressione di non avere avuto sufficiente compassione per la vittima di Ezra», ha detto Norris durante il suo discorso davanti ai giornalisti. «Riconosco di avere sbagliato ma le mie motivazioni dietro quella lettera erano spinte da amore e preoccupazione».

I due candidati principali al momento sono Gay Mitchell del Fine Gael e Micheal Higgins del Labour Party. Oggi la ex cantante irlandese Dana Rosemary Scallon, conosciuta come Dana, ha fatto sapere tramite il suo portavoce che sta considerando seriamente di candidarsi. Dana era stata eletta al Parlamento europeo nel 1997.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.