• virgolette
  • Questo articolo ha più di undici anni

Non è facile essere leghisti in Emilia Romagna

In questi giorni la Camera dei Deputati sta discutendo una nuova legge contro l’omofobia e la transfobia. Il dibattito ha avuto vari tratti tristi e surreali. Uno di questi è arrivato durante l’intervento del deputato leghista Massimo Polledri, che ha spiegato così perché gli omosessuali dovrebbero smettere di lamentarsi.

«Vogliamo uno Stato che tuteli la persona nella sua interezza, che tuteli tutti senza fare del vittimismo in relazione agli insulti che sono stati dati. Pensate che sia stato facile per noi essere stati leghisti, inizialmente, in Emilia Romagna e che abbiamo ricevuto un trattamento uguale rispetto ai colleghi medici di altre parti? Potrei scrivere un libro su questo tema, ma, francamente, ritornerei in quel vittimismo che oggi deve essere non ad appannaggio delle categorie che si candidano a dirigere questo Paese»