• Tecnologia
  • Questo articolo ha più di undici anni

La musica su iPad con Planetary

Un'applicazione fa diventare la tua libreria musicale una galassia fatta di pianeti e stelle, cioè album e canzoni

Quando il 27 gennaio del 2010 Steve Jobs presentò la prima versione di iPad, spiegò che il nuovo tablet di Apple avrebbe funzionato anche come un iPod e avrebbe consentito di riscoprire la propria libreria musicale grazie a nuovi menu ed effetti grafici. Nonostante le promesse, il sistema per ascoltare la musica sugli iPad si è rivelato del tutto simile a quello già impiegato sugli iPhone e gli iPod Touch, e forse anche per questo – oltre che, ovviamente, per le dimensioni dell’oggetto – non sono in molti a utilizzare il tablet di Apple per ascoltare la musica.

Quelli di Bloom, un gruppo di ricerca e sviluppo di nuovi sistemi per mostrare dati e informazioni in formato digitale in forma creativa, hanno deciso di creare Planetary, un’applicazione che cerca di innovare il modo di consultazione e ascolto della tua libreria musicale. Come suggerisce il nome, l’applicazione costruisce una galassia di pianeti e lune in un ambiente virtuale sfruttando l’elenco di canzoni che hai caricato nel tuo iPad. La galassia può essere esplorata attraverso lo schermo touchscreen e ti consente di trovare e riscoprire le tue canzoni volando da un sistema planetario all’altro.

Per utilizzare al meglio Planetary occorre avere un po’ di dimestichezza con gli elementi raccolti nella galassia. Ogni stella rappresenta un artista della tua libreria musicale, mentre ogni album è rappresentato da un pianeta, il cui aspetto dipende dalla grafica della copertina dell’album, soluzione che consente di avere tutti pianeti diversi nella tua galassia. Ogni traccia, quindi ogni canzone, è rappresentata da una luna che orbita intorno al suo pianeta/album. Le lune sono di grandezze differenti e le loro dimensioni dipendono dal numero di ascolti di una singola canzone: le lune più grandi corrispondono alle canzoni più ascoltate e le più piccole a quelle con meno riproduzioni.

Il modo migliore per usare Planetary è quello di andare a zonzo per la galassia e scegliere le canzoni da ascoltare man mano. A volte però hai voglia di ascoltare le canzoni di uno specifico artista. In questo caso, basta attivare una pratica ruota con le lettere dell’alfabeto e, selezionando l’iniziale dell’artista che stai cercando, la galassia si riduce e ti mostra solamente le stelle con i nomi degli artisti con quella specifica iniziale.

Il modello di Planetary, spiegano gli sviluppatori dell’applicazione, potrebbe essere applicato anche ad altri insiemi di dati per semplificare la visualizzazione di informazioni e dei legami e collegamenti tra singoli gruppi di dati. Benché sia una prima versione, passibile di alcuni miglioramenti, Planetary è molto promettente e potrebbe raccogliere un buon successo, specialmente se verrà anche adattata per funzionare sugli schermi più piccoli degli iPhone e degli iPod Touch. L’applicazione per ora è gratuita e può essere scaricata attraverso l’App Store.