• Media
  • sabato 23 ottobre 2010

La Treccani e le ragazze del Calippo

I nuovi spot del vocabolario prendono in giro le analfabete per definizione

Le “ragazze del Calippo” furono un popolare tormentone video della scorsa estate: a luglio un giornalista di Sky intervistò due ragazze laziali su una spiaggia di Ostia per uno di quei noiosi servizi estivi sulla stagione balneare, ma il loro uso piuttosto creativo della lingua italiana proiettò il video verso un grande successo su YouTube (con tanto di sottotitoli) e la promozione mediatica a “fenomeno”.

Adesso, la Treccani ha deciso di usare quel discutibile successo – lontano allora da includere elementi di preoccupazione sulla cultura patria, anzi – per fare pubblicità alle proprie pubblicazioni, producendo tre spot che hanno per protagoniste due attrici che imitano le ragazze del Calippo. Segue dibattito se attecchiranno di più sulla cultura nazionale le ragazze del Calippo o la loro presa in giro con istigazione al dizionario.
https://www.youtube.com/watch?v=ngEGmNrkkZw
https://www.youtube.com/watch?v=W4VU-97Pcso
https://www.youtube.com/watch?v=kDaLbk8fQvg

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.