Napoletone a capo di Telecom?

Repubblica ipotizza che Luca Luciani sostituisca Franco Bernabé, e su internet torna popolare il suo storico video

Oggi Repubblica racconta i retroscena della ricerca dei nuovi vertici di Telecom Italia – la sostituzione di Franco Bernabé è nell’aria da talmente tanto che la respiriamo  – che sarebbe orchestrata da Cesare Geronzi, presidente di Generali e primo socio italiano in Telco, la finanziaria che controlla il 24,5% di Telecom Italia. Tra i candidati favoriti – sostiene l’articolo di voci-di-corridoio di Giovanni Pons – ci sarebbe Luca Luciani, l’amministratore delegato di Tim Brasil dal gennaio 2009. Il groviglio di raccomandazioni e relazioni è spiegato così.

Luciani s’è presentato a Geronzi grazie ai buoni uffici del dg Raffaele Agrusti e di suo fratello Michelangelo, ex democristiano vicino a Martinazzoli e oggi titolare della società Onda che fornisce a Telecom le chiavette per i collegamenti al web.

Luciani non ha fatto mistero di voler prendere il posto di Franco Bernabè […]. Luciani si vanta dei buoni risultati di Tim Brasil ma non va dimenticato che fu lui nel settembre 2008, a capo della divisione mobile di Telecom, ad alzare le tariffe facendo perdere alla società clienti e traffico. […] Bisognerà poi vedere come procederà l’inchiesta giudiziaria sulle sim card fasulle, che investe un periodo in cui Luciani era responsabile della divisione incriminata.

L’ipotesi, che è ovviamente una notizia per il mondo delle imprese e della finanza italiano, ha suscitato oggi grandi curiosità anche su internet, in nome del più famoso precedente nella carriera di Luciani, a cui allude la stessa Repubblica. Nel 2008, diventò improvvisamente popolarissimo in rete per uno “spettacolare” discorso ai venditori Tim, in cui per motivarli raccontò loro la storia dell’eroica vittoria di Napoleone a Waterloo, invertendo il corso della storia e sbagliando – “Napoletone” – il nome del condottiero per colmo di sventura.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.