Torna il “Presunto innocente”

Esce oggi "Innocent", il seguito del legal-thriller di Scott Turow campione di vendite nell'87

Prima del tour promozionale, lo scrittore ha girato gli USA con la band in cui suona insieme a Stephen King

Scott Turow voleva scrivere il seguito di “Presunto innocente” una volta compiuti i sessant’anni, e così ha fatto. Il romanzo è stato campione di vendite nell’87,  e ha consacrato Scott Turow come scrittore e il legal-thriller come genere di punta della letteratura d’intrattenimento. Dal libro è stato tratto il film diretto da Alan Pakula e interpretato da Harrison Ford.

Esce oggi nelle librerie statunitensi “Innocent“, il seguito che vede per protagonista Rusty Sabich — che in “Presunto innocente” era l’avvocato penalista coprotagonista — diventato ora giudice della corte d’appello, alle prese con un’accusa di omicidio. L’assassinata è la moglie e, come scrive il Wall Street Journal, la scelta ha fatto nascere domande su possibili parallelismi tra le vicende narrate nel libro e la vita privata di Turow, separatosi solo pochi mesi fa. La moglie raccontata nel romanzo è bipolare e sempre sull’orlo del suicidio, e Sabich la tradisce con una collega più giovane. Come il suo protagonista agli esordi, anche Turow è un avvocato penalista, lavoro che ha continuato a svolgere fin’ora nonostante il successo.

Nella settimana che precede il tour promozionale del libro Turow ha girato il nord-est americano con la sua band, The Rock Bottom Remainders, in cui insieme ad altri scrittori — Stephen King, Dave Barry, Amy Tan e Mitch Albom — suona cover di pezzi classici del rock. Prima della data a Times Square, lo scrittore ha dichiarato “Qualsiasi contributo io abbia dato alla cultura, questi concerti lo azzerano”.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.