Il Cupido della foresta del Borneo

Il WWF ha annunciato la scoperta di 123 nuove specie nella foresta pluviale del Borneo

La ricerca fa parte del progetto Heart of Borneo ed è supportata da Indonesia, Malesia e Brunei

Rane senza polmoni, serpenti aranacioni e lumache che lanciano frecce. Sembra Avatar e invece è la foresta del Borneo. Il WWF ha annunciato la scoperta di 123 nuove specie a seguito di una ricerca iniziata nel 2007.

La ricerca fa parte del progetto Heart of Borneo per la tutela della foresta pluviale più antica del mondo – la terza per dimensioni – ed è supportata da Malesia, Indonesia e Brunei, i tre Paesi che si dividono la superficie dell’isola. L’obiettivo è scoprire nuove specie e proteggere il suo ecosistema.

Tra gli esemplari più particolari scoperti:

– un serpente con un collare iridescente che diventa arancione quando deve difendersi dai predatori.

– una rana piatta che respira attraverso la pelle perché priva di polmoni.

– una lumaca con una coda lunga tre volte quanto la sua testa che spara frecce al carbonato di calcio durante il corteggiamento per iniettare ormoni nel maschio.

Secondo il rapporto del WWF, nel Borneo vivono dieci specie di primati, più di 350 uccelli, 150 rettili e anfibi e 10.000 specie di piante che non si trovano da nessun’altra parte al mondo.

Il Guardian pubblica le foto più belle.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.