Barbujani raddoppia contro gli antidarwinisti: “strafalcioni”

Nei giorni scorsi il libro era stato pesantemente criticato da Luigi Cavalli Sforza su Repubblica

"Si scopre con triste meraviglia che Massimo Piattelli Palmarini confonde i geni con i genomi"

Una settimana dopo, prosegue la polemica tra il genetista Guido Barbujani e Massimo Piattelli Palmarini, autore con Jerry Fodor di “Gli errori di Darwin” e in questi giorni impegnato a ribattere gli attacchi dei suoi critici su metà dei giornali italiani (e anche a portare a casa un bel po’ di pubblicità, però). Oggi MPP risponde sul Domenicale del Sole24Ore alla stroncatura del suo libro scritta una settimana fa da Barbujani.

La recensione del mio libro con Jerry Fodor Gli errori di Darwin pubblicata domenica scorsa dal genetista Guido Barbujani mi causa gran tristezza. Barbujani ci attribuisce uno «strafalcione» (sic) e si chiede, «il 45% dei nostri geni ci deriva per trasferimento orizzontale da altre specie? E chi l’ha detto?». Eppure si tratta di lavori pubblicati su riviste scientifiche.

Seguono diverse citazioni di ricerche a conforto di questa tesi. Per esempio: “il genoma umano consiste di almeno un 35% di elementi trasponibili”.

Il tentativo di squalifica ad personam di Barbujani fallisce, oltre ad essere inopportuno e fuori argomento. Molto ci sarebbe in questa sua recensione da cui ritenersi offesi, ma non mi offendo. Sono triste assai più che offeso.

La risposta di Barbujani, pubblicata a fianco della lettera di MPP, individua il nocciolo del problema.

Allora siamo in due a essere tristi. Qui si scopre con triste meraviglia che Massimo Piattelli Palmarini confonde i geni con i genomi. Legge che il 44% del genoma umano (inteso come tutto il Dna) è rappresentato dai trasposoni, ne conclude spensieratamente che il 45% dei nostri geni (cioè di quella piccola importantissima parte del Dna grazie alla quale siamo come siamo) ci viene da altre specie. Tecnicamente, questi si chiamano strafalcioni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.