• Mondo
  • venerdì 22 luglio 2016

Quanto sono grandi i paesi del mondo per davvero?

Non così grandi come vengono mostrati dalle cartine che usiamo normalmente, almeno quelli lontano dall'Equatore

Le dimensioni dei 10 paesi più grandi del mondo come apparirebbero sulle cartine di Mercatore se fossero alla stessa latitudine (The True Size)

La rappresentazione cartografica di Mercatore è il metodo più comune per disegnare le cartine del mondo, comprese quelle che usiamo quasi quotidianamente su Google Maps. Dato che la Terra non è piatta, quando si disegna una cartina, bisogna fare delle approssimazioni e per questo è inevitabile che nelle mappe ci siano delle distorsioni nella forma di alcune zone del mondo: è il motivo per cui i paesi quelle che si trovano ai bordi della cartina, quindi per l’emisfero boreale soprattutto la Groenlandia, il Canada e la Russia, e per quello australe l’Antartide, sembrano molto più grandi di quanto non lo siano davvero. Ma lo stesso principio vale per tutti i paesi rappresentati, a seconda di quando sono lontani dall’equatore. Il sito The True Size permette di mettere a confronto le reali dimensioni dei diversi paesi del mondo che non sono mostrate dalle mappe fatte con il metodo di Mercatore: farlo è molto divertente e aiuta a scoprire diverse cose.

Gerhard Kremer (1512-1594), noto in Italia come Gerardo Mercatore, fu uno scienziato e artista fiammingo, studioso di matematica e astronomia. La proiezione cartografica che sviluppò era pensata per aiutare i navigatori europei del suo secolo. Riporta su un piano la superficie terrestre, che è curva, con i paralleli e i meridiani rappresentati da linee rette e perpendicolari tra di loro: lo fa immaginando che la Terra sia un cilindro invece che un solido più o meno sferico come è in realtà, ma questo porta inevitabilmente a una distorsione delle porzioni di mondo che sono più vicine ai poli, dove le paralleli e meridiani sono più vicini tra di loro. L’attributo principale della rappresentazione di Mercatore era di conservare gli angoli nella inevitabile distorsione di scale e distanze, e per questo era utile ai navigatori del Sedicesimo secolo; poi di fatto è diventata la rappresentazione standard usata per le cartine geografiche. Le mappe fatte con la rappresentazione di Mercatore però non permettono di capire davvero quanto sia grande l’Africa rispetto all’Europa, dato che non mantengono le proporzioni tra le dimensioni dei diversi paesi, che appaiono tanto più grandi quanto più sono vicini ai Poli, mentre risultano rimpiccioliti se si trovano all’Equatore.

Gli sviluppatori James Talmage e Damon Maneice hanno creato The True Size per poter confrontare visivamente le dimensioni dei paesi senza andare a leggere quale sia la loro superficie su Wikipedia: sul sito è possibile selezionare ogni paese del mondo (purtroppo non si può fare con l’Unione Europea nel suo insieme) e “spostarlo” a latitudini diverse sul planisfero di Google Maps per vedere quanto grande apparirebbe se si trovasse in una posizione diversa. Così ad esempio si può spostare la California sul Mar Mediterraneo e vedere quanto è più grande dell’Italia (tanto). BuzzFeed ha usato The True Size per mettere insieme una serie di paragoni tra vari paesi del mondo, anche traendo spunto da alcune prove fatte da utenti di Reddit e di Twitter. Al Post ne abbiamo fatti altri, usando di più l’Europa e l’Italia come metro di paragone.

In qualche modo la rappresentazione di Mercatore ha contribuito a fare sì che la percezione degli occidentali – europei e americani – dei loro paesi rispetto a quelli africani fosse sbagliata e sbilanciata. Il lavoro di Talmage e Maneice è stato ispirato da un episodio della serie tv The West Wing in cui appunto si dice che la rappresentazione di Mercatore andrebbe sostituita con un’altra per ragioni sociali.

Mostra commenti ( )