Il confronto TV più triste del mondo

Tutti a chiedersi chi ha vinto e chi ha perso. Ma a voi non ha fatto una tristezza infinita? Una di quelle cose che guardi e ogni tanto giri gli occhi da un’altra parte perché un po’ ti vergogni per loro. Sto parlando di Renzi-Salvini. A farsi battute e sbuffare, mojito di qua e poltrone di là, Papeete e governi sotto i funghi, cartelli con numeri inventati, dati buttati là senza nessun riscontro. E quando c’ero io, e quando c’eri tu, e a me mi votano in tanti, sì ma io sono più onesto… E il giorno dopo l’hanno pure analizzato questo dibattito triste e antico: uno era più preparato, l’altro ha convinto di più. Boh, sarò stato incapace io di vederci qualcosa di interessante oppure semplicemente sono stufo marcio. Nessuna idea, niente di nuovo ma nemmeno di vecchio e solido. Parlano di carisma dei leader. Mah. Potremmo stare ore a studiare la postura di uno e dell’altro, le parole usate, gli argomenti scelti. M poi si torna sempre lì, a una specie di gara che facevano i compagni delle medie per vedere chi sputava più lontano (a voler essere eleganti). Non è che io rimpianga i confronti tra Berlinguer e Moro o tra Pannella e Almirante. No, io rimpiango il confronto Berlusconi-Prodi, addirittura Berlusconi-Occhetto. E questa è la cosa che in fondo mi mette più tristezza.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.