La pizzeria della testa mozzata, fine della storia

Un anno fa, di questi tempi, a Como ci fu quello che è passato alle cronache come il delitto della  testa mozzata. La storia è questa: la sera del 2 febbraio 2010, Alberto Arrighi, titolare di una famosa armeria nel centro di Como, spara a Giacomo Brambilla. È una storia di soldi, di crisi economica, di affari che vanno male. Arrighi sostiene che si trattò di un delitto d’impeto dopo l’ennesima sopraffazione da parte di Brambilla.

Dopo l’omicidio, Arrighi chiama il suocero, Emanuele La Rosa, un signore di 68 anni, titolare di una pizzeria a  Senna Comasco, La Conca d’oro.  La Rosa corre all’armeria, resta lì mentre Arrighi taglia la testa a Brambilla (per rendere difficile il riconoscimento, dirà poi), quindi i due partono in auto, direzione Domodossola. Un viaggio che sembra uscito da un film dei fratelli Coen. Il corpo di Brambilla, avvolto in sacchi della spazzatura nera, viene lasciato in un bosco. E la testa? I due l’avevano lasciata nel bagagliaio di una Fiat Panda fuori dala pizzeria. Tornati al locale, La Rosa tira fuori una teglia bella capiente e dice ad Arrighi: «Tieni, la testa mettila qui». Detto fatto, la testa finisce in forno. La Rosa appende un foglio: “Non aprire, deve cuocere molto”.
Il giorno dopo Arrighi torna in armeria, si mette a lavare il parquet che è intriso di sangue, arrivano tre persone a cercare Brambilla lui dice di non sapere nulla ma non può nascondere i sacchi neri in cui ha accumulato gli stracci sporchi di sangue.

Due giorni fa Arrighi è stato condannato a 30 anni di carcere. Non c’erano molti dubbi sulla condanna, era reo confesso. Casomai c’era da capire se la giuria avrebbe creduto al delitto d’impeto oppure se avrebbe dato retta all’accusa che ha sempre parlato di delitto pianificato. La giuria ha dato ragione all’accusa.

La pizzeria oggi non esiste più, è stata trasformata in wine bar. Il forno della testa mozzata è stato distrutto.