Vogliamo trattare davvero su stipendi e pensioni dei politici?

Da una settimana è tornata la polemica sui “vitalizi”. Botte da orbi: “la proposta mia è meglio della tua!”, “se avete coraggio votate questa!”, ecc.
Faccio una proposta semplice: usciamo dal clima di duello tra Pd e M5s e cerchiamo una soluzione comune? Affrontiamo insieme la questione dell’incostituzionalità a cui rischiano di andare incontro le diverse proposte? Facciamo un lavoro serio e analitico e presentiamo un testo comune, chiedendo all’unisono la calendarizzazione?
Troviamoci in Parlamento, con chi ha proposto soluzioni in merito.
Facciamo un intergruppo lampo per definire una proposta che convinca il maggior numero di gruppi e di parlamentari. Abbandoniamo per un attimo il clima da perenne campagna elettorale: come parlamentari dovremmo rappresentare la Nazione, non solo le rispettive tifoserie.
Noi, con la proposta Turco e mia, ci siamo. Con umiltà, ovviamente. E senza primogeniture.
(Questo messaggio è stato inviato a tutti i protagonisti della querelle: daremo conto delle risposte ricevute)
P.S.: questa è la nostra proposta.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.